fbpx
11 Novembre 2019
Ville&Casali
Brand Interno

Emozione in cabina doccia

Poche cose fatte bene. Molto bene. Sembra questa la filosofia dell’azienda Duka, abbreviazione di duche Kabin, a indicare proprio che l’azienda produce cabine doccia e su queste ha deciso di specializzarsi.

Quella che sembra una missione semplice si rivela qualcosa di molto complesso: quando entriamo in Duka scopriamo quanta ricerca Johann Krapf e Arnold Gasser, i due fondatori, sono stati capaci di fare da quando nel 1979, nel garage di un piccolo paesino alto-atesino, hanno iniziato ad allestire cabine doccia.

Un gesto semplice e quotidiano, fare una doccia, nasconde in verità insidie tecniche che l’azienda Duka si è impegnata a studiare nei minimi dettagli arrivando a offrire la migliore esperienza possibile.

Ne è un esempio il reparto che, situato al centro dell’azienda e isolato per assicurare temperatura costante e pulizia assoluta dell’atmosfera, utilizza la tecnologia UV, propria di altri settori, per il miglior incollaggio tra il vetro e l’alluminio delle cerniere. Una soluzione che regala pulizia estetica ed elimina spazi per far penetrare lo sporco.

Si tratta di un brevetto dell’azienda, così come di duka è la soluzione ProCare contro il calcare.

Una speciale miscela siliconata che fa scorrere l’acqua sul vetro più velocemente, evitando così la formazione della fastidiosa e antiestetica patina, e rendendo sufficiente un veloce passaggio con il lavavetri per avere la cabina sempre in condizioni perfette.

In ogni caso, si tratta di combinare estetica e funzionalità, che è il frutto anche della posizione geografica dell’azienda: nell’Alto Adige si sente forte sia il richiamo verso la precisione tedesca, sia verso la creatività mediterranea.

La Germania è il primo mercato per volume e sceglie in base alla funzionalità dei prodotti, l’Italia è invece più attenta all’estetica.

Christian Krapf

Lo racconta a Ville&Casali Christian Krapf, la seconda generazione ormai entrata in azienda che ha assorbito lo spirito dei fondatori e sente forte il radicamento nel proprio territorio.

Nonostante, infatti, l’azienda abbia ormai raggiunto dimensioni importanti, quando è sorta l’esigenza di ampliare gli spazi, nessuno ha messo in dubbio che fosse nella valle di Bressanone che andavano trovati.

In Austria e nell’Europa dell’Est ci offrivano terreni gratuiti ma ho convinto sette contadini, anche con l’aiuto del sindaco, a vendere i propri terreni per far rimanere duka un’azienda dell’Alto Adige.

Johann Krapf

È nato così un nuovo stabilimento, inaugurato quest’anno per i 40 anni di attività, che non passa inosservato a chi attraversa la valle: una struttura imponente ma rigorosa, spezzata solo da una scalinata che invita alla visita, tanto che oltre 5 mila metri quadri sono destinati alle sale mostre e alla formazione. Un’esperienza unica che permette di apprezzare lo sforzo verso l’industria 4.0 orientata alla massima integrazione tra software, macchine e uomo.

Solo così è possibile produrre circa 1500 cabine doccia al giorno.

Le doccie sono tutte su ordinazione, e quindi su misura, e con consegna garantita in soli due giorni lavorativi.

Altre letture consigliate

La vasca dei desideri

Redazione Ville&Casali

La ricerca del benessere tra sauna e hammam

Carola Serminato

Total living made in Italy

Redazione Ville&Casali