Design che dura: dialogo con Ludovica e Roberto Palomba

di Sara Perro

Ludovica + Roberto Palomba, coppia d’oro del design italiano, da oltre 25 anni disegna prodotti che sfuggono alle tendenze, dal design che dura. Uno studio poliedrico, con sede a Milano dove gli architetti spaziano dalla progettazione di elementi di architettura al design.  Hanno ricevuto numerosi premi e riconoscimenti internazionali come il Compasso D’Oro, l’Elle Decoration International Design Award, il Red Dot, il Design Plus, il Good Design Award, il German Design Award. Collaborano e sono art director per alcuni dei marchi più affermati.

Non hanno una parola precisa per definire il loro stile e raccontano che: “arrivati ad oggi, non ci interessa troppo attribuirci una definizione. In tutti questi anni ci sono solo due cose che non siamo riusciti a qualificare: la parola “Design” e il nostro stile. Ogni volta che crediamo di aver trovato una definizione, ci troviamo un secondo dopo a metterla in discussione. Fondamentalmente siamo degli outsider, nè massimalisti nè minimalisti”. Il modo di progettare di questa coppia è un approccio filosofico per raggiungere, non solo un risultato estetico, ma anche qualitativo, orientato verso il benessere della persona.

Sempre alla ricerca dell’essenza in un progetto, dove l’equilibrio è il punto di arrivo, i Palomba, sembrano avere diverse fonti di ispirazione, dalle culture orientali allo stile nordico, anche se per loro non serve sempre essere ispirati per poter disegnare: “Abbiamo sempre vissuto la nostra creatività come un flusso, la ricerca che tu fai per ogni progetto alimenta quella successiva, non esiste un modo di ispirarsi”, spiegano a Ville&Casali.

Un design che si propone di avvicinare le persone, con una visione democratica. Anche l’artigianalità è per loro un valore per conservare una tradizione che possa tramandare la cultura del sapere fare italiano. Confermano, così, la loro natura, dualista e curiosa. Il fil rouge di tutti i progetti è un segno maturo ed equilibrato che regala sempre una nuova emozione, in ogni tipologia di arredo. Come nella seduta Dama, esposta al recente Salone del Mobile per l’azienda polacca Zanat: una seduta in legno con un pattern bicolore: un oggetto contemporaneo, ma con un chiaro rimando ad un sapere arcaico, arricchito da un sapore di viaggio e scoperta. Mai ripetitivi, ma sempre riconoscibili, immaginano il design del futuro come “in linea con i bisogni di una società in evoluzione”.

di Veronica Balutto

© Riproduzione riservata.

Abbonati online

fino al 50% di sconto

100 Idee per Ristrutturrare Digital Edition 100 Idee per Ristrutturrare Apple App Sore 100 Idee per Ristrutturrare Google Play Store

Digital Edition

Disponibile su browser, tablet e mobile app iOS e Android.

Offerta Prova

3 numeri a soli 2,99 €

save papersave paper

Edizione Cartacea
+ Digital Edition

Scegli la comodità del cartaceo con in più la versione digitale.

Scopri come abbonarti

1 anno a soli 33,00 €

Partner

I più letti

Una villa racchiusa in un colpo d’occhio

Ristrutturata dall’architetto Stefano Dorata con la co...

Cinque fiori profumati da piantare in aprile

Il grigiore dell'inverno è ormai solo un ricordo: la pr...

Country chic nel cuore del Monferrato

A Costigliole d’Asti, una dimora con origini che risal...

Arredi esclusivi in Toscana

Un itinerario che parte da Firenze, la culla della cul...

casale ristrutturato umbria

Design in un casale ristrutturato tra gli ulivi

A cinque minuti dalla città di Perugia, dopo aver varca...

Ville&Casali su Instagram