Storia del lampadario

di Redazione Ville&Casali

 

I primi lampadari nacquero per moltiplicare l’effetto prodotto dall’illuminazione di un singolo candelabro. Presto divenuti parte dell’ arredamento d’interni, i lampadari sono cambiati nel corso della storia, fino ad arrivare ai modelli più  recenti.

I primi lampadari

Nel tardo Medioevo l’utilizzo del lampadario, prima circoscritto a chiese e luoghi sacri,  fu esteso a locande e abitazioni. Ampie strutture circolari in ferro battuto troneggiavano sospese al centro di salotti e camere da letto. Lo stile era povero e la grandezza del lampadario relativa all’ampiezza della stanza.

Luce rinascimentale

Nel XVI secolo il lampadario diventa sfarzoso, arricchito da vetri e cristalli. La luce rifratta riverbera luccicante attraverso le trasparenze, impreziosendo i salotti dell’aristocrazia nascente. In questo periodo l’aspetto del lampadario cambia profondamente, con nuove forme, fronzoli e ghirigori floreali.

Cristallo e design moderno

È solo nella Francia del 1700, però, che nasce il lampadario moderno, riflesso dello status sociale ma anche espressione della personalità dei proprietari di casa. Il cristallo di Boemia sostituisce il cristallo di rocca e, dati i costi inferiori, le diverse installazioni crescono a dismisura. L’avvento dell’elettricità e della plastica hanno certamente rivoluzionato il settore, introducendo modelli e stili in passato inimmaginabili. I lampadari moderni sono realizzati in diversi materiali: vetro soffiato, ottone, tessuto, paglia, politilene, acrilico. Da strumento funzionale il lampadario diventa accessorio, cambia i propri connotati, assume forme semplici, rincorrendo il minimal.

Pubblicità

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Atmosfere rural-chic

L’interior designer Gian Paolo Guerra elabora lo stile...

vivere in un fienile

Vivere in un fienile trasformato in una dimora da sogno

Un edificio in pietra e sassi, tipico delle Langhe, ris...

Emozioni azzurre sul Lago di Bracciano

A nord di Roma, la natura crea un quadro dalle sfumatu...

Una villa proiettata verso l’infinito

Costruita dallo studio MYGG di Milano su un vecchio ru...

Nuotare da sportivi

Le piscine abbandonano le forme sinuose per privilegia...

Ville&Casali su Instagram