fbpx
20 Settembre 2019
Ville&Casali
Interni

Mix di stili vicino Roma

È una casa piena di storia, una storia lontana. L’intervento eseguito dall’architetto Luisa Del Bianco di restauro e arredamento, ha riguardato una splendida villa nella campagna romana, la cui proprietaria, Irina Marini, è una stilista di lingerie. In particolare, la villa doveva essere terminata non nella struttura esterna preesistente ma ‘decorata’ all’interno, utilizzando arredi e oggetti appartenenti alla proprietà e riportati in Italia dalle varie permanenze in altri Stati.

Prezioso è stato il contributo dell’architetto, amico di famiglia, Lucio Belardelli, per la realizzazione artigianale degli stucchi che segnano un eccellente dettaglio tra soffitti e pareti, mentre, relativamente alle opere strutturali esterne ed interne, fondamentale è stato l’intervento dell’architetto Francesca Marchese. Particolare attenzione è stata posta alla pavimentazione della casa, disposta su tre piani (terra, primo e parzialmente interrato). Luisa Del Bianco, infatti, ha utilizzato materiali naturali, come il parquet in legno di rovere sbiancato mentre un marmo chiaro e caldo, di provenienza turca, ha rivestito le scale interne. E’ stato usato anche il cotto per la pavimentazione e la finitura dei percorsi esterni della villa. Oltre a questo, la resina grigia per il piano affacciato sul giardino, ove è ubicata una piscina con il bordo in peperino.

ll cuore della casa è il grande living a piano terra, che si affaccia su un cortile interno. Una bellissima tenda in velluto pesante, acquistata presso un antiquario romano, occulta la vista del terrazzo, mentre le altre tende sono, di fattura più semplice, in garza di lino. I divani e le poltrone che arredano la zona giorno sono originari del secolo scorso. Elemento caratterizzante di questo ambiente è sicuramente il camino sospeso sulla parete, sopra il quale spicca un’opera multipla dell’artista fiorentino Sergio Biliotti.

Sono tanti poi i dettagli che impreziosiscono questa affascinante dimora. Si passa dalla dama ispanica di fine Ottocento, alla villanella laziale fino ad incontrare due urne giapponesi Satsuma di elevata qualità artistica. Infine, le camere da letto, al piano superiore, sono composte da oggetti recuperati dalla casa newyorkese, mentre le specchiere settecentesche e altri oggetti ancora sono stati acquistati presso un’asta americana. Nei bagni, accanto ai sanitari dell’azienda Old England, in stile più tradizionale, ci sono oggetti più contemporanei.

 

 

 

 

Altre letture consigliate

Fiori di primavera, rinascono i giardini

Redazione Ville&Casali

Soave rigore nella vita di campagna

Redazione

Abitare nel borgo di Castiglioncello del Trinoro

Redazione Ville&Casali