Pubblicità
Pubblicità

Guillaumier: Ecco come sarà la casa del futuro

di Veronica Balutto

Maltese di origine, Gordon Guillaumier ha fondato il suo studio a Milano nel 2002: un atelier poliedrico che ha come focus il design di prodotto e degli interni. Guillaumier si occupa anche di consulenza in veste di art director.

Pubblicità

Vanta collaborazioni a livello internazionale tra cui: Alf Da Frè, Azzurra, Ceramiche Piemme, Lema, Minotti, Roda, Tacchini, Varaschin, Arketipo e Kronos Ceramiche, per citarne alcune.

Lo stile di Gordon Guillaumier è un mix di classicità ed eleganza, con un tocco armonioso e, spesso, minimalista.

La sobrietà e riservatezza caratteriale di Guillaumier emerge, con delicatezza, in tutti i suoi lavori.

«L’ispirazione origina da molteplici fonti: ogni cosa intorno a noi ci trasmette una vibrazione: camminando in una città, visitando una mostra, leggendo un libro, partecipando a una riunione in brainstorming, la creatività è ovunque!»
Gordon Guillaumier

Un mestiere, quello del designer, certamente non facile. Guillaumier aggiunge:

«Penso che l’obiettivo da perseguire al giorno d’oggi per un creativo sia quello di essere disposto a mettersi costantemente in discussione, per stare al passo coi tempi. La prima grande sfida è stata inseguire il sogno di fare questo lavoro…e continuare a divertirmi, grazie a tutti gli stimoli che mi fornisce. Poi, ho la fortuna di lavorare non solo su progetti di design, ma anche di architettura, nonostante io non sia architetto. E questo non fa che accrescere la mia sete di creatività!»
Gordon Guillaumier

Come sarà il futuro?

«È una costante mutazione; tuttavia vedo una contaminazione culturale e stilistica fra presente e passato, dove ognuno esprime la volontà di elaborare i propri codici per personalizzare il proprio ambiente. Credo che ci sarà sempre più attenzione a scelte sostenibili nell’arredo.»
Gordon Guillaumier

Guillaumier porta nel cuore, come esempio progettuale, Villa Malaparte, capolavoro caprese dell’architettura moderna, straordinario esempio di integrazione tra modernità razionalista e ambiente naturale.

E conclude:

«Immagino la mia casa del futuro come una negazione del concetto di accumulo e consumo ossessivo, arredata con pochi pezzi di design e arte di qualità che resiste nel tempo.»
Gordon Guillaumier

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Le pensiline più belle

Bellhouse Pensiline è un’azienda specializzata nella r...

Atmosfere rural-chic

L’interior designer Gian Paolo Guerra elabora lo stile...

Stile country in piena privacy

Una villa panoramica è immersa nel verde di Campagnano...

Arredare la casa con l’eleganza della pietra

Un nuovo concetto di rivestimento per interni ed ester...

Una villa racchiusa in un colpo d’occhio

Ristrutturata dall’architetto Stefano Dorata con la co...

Ville&Casali su Instagram