fbpx
22 Agosto 2019
Ville&Casali
Innovazione cucine
Interni

Due firme per l’innovazione: Maistri e Minotti

Alberto Minotti
Alberto Minotti

Sono stati da poco inaugurati showroom a Milano, Roma e New York, ma si tratta di una tradizione che dura e si rinnova dal 1946. Maistri, infatti, nasce nel cuore della Valpolicella, in provincia di Verona, come piccola falegnameria familiare, cresce e si sviluppa fino ad imporsi come marchio di riferimento, sinonimo di alta qualità, attenzione al cliente e alle materie prime con cui plasma i propri modelli. Da oltre trent’anni produce le sue cucine nell’impianto industriale di 45 mila metri quadrati di superficie con un sistema produttivo completamente automatizzato che permette e garantisce una produzione di qualità e un efficace servizio al cliente, senza rinunciare alla flessibilità e alla rapidità produttiva tipiche delle realtà artigianali. Questi numeri fanno dell’azienda uno dei riferimenti del mercato nazionale ed in continua espansione nel panorama internazionale, sia europeo che mondiale.

Innovazione come tradizione

Punto di forza e mission aziendale sono la continua innovazione di linee, materiale e modelli in una sperimentazione continua dei programmi di arredamento che muovono dalla cucina, fulcro della produzione, per raggiungere altri spazi del vivere quotidiano interpretando al meglio gli stili di vita e i trend più contemporanei. Oggi, la storica azienda è guidata da Asso Group, realtà imprenditoriale veronese specializzata nella produzione di arredamenti e contract di alto livello, che ha aggiunto allo spirito di Maistri un importante patrimonio di storia, competenze industriali e cultura del prodotto.

Due firme d’eccezione

Innovazione-cucine (6)E, come firma per i propri progetti, c’è quella di Alberto Minotti, designer del Gruppo Asso. Nei dettagli, il valore: nel modello Plus, in queste pagine, ciò che caratterizza e rende particolare la collezione sono i millimetri; in questo progetto infatti, l’anta a forte spessore raggiunge i 28 millimetri e ripristina così gli equilibri della composizione regalando una presa solida e un’idea di compattezza. Il top a bordo inclinato completa il programma. “Il mio lavoro con Maistri mi permette di disegnare un lusso accessibile e questo mi piace davvero molto. C’è solo un modo per parlare di qualità: saperla creare”, spiega Alberto Minotti. “La semplicità ripaga sempre”. Ed è da questo concept che muove oggi la ricerca in Maistri: la scelta è infatti quella di mantenere una linea pulita, eliminando tutto ciò che non serve e che è legato alle tendenze del momento. “Linee di pensiero e di prodotto che si stanno rivelando vincenti, molto apprezzate anche oltre i confini nazionali”, spiega invece Giovanni Venturini, presidente del Gruppo Asso. “Ci sono buone prospettive anche sui mercati europei. Il valore aggiunto dell’azienda rimane comunque il legame con il territorio e con il fertile tessuto produttivo in cui è nata e vive”.

www.assospa.com

 

 

a cura di Antonia Solari

Altre letture consigliate

Arredare con il verde bosco

Claudia Schiera

Gli store delle cucine si rifanno il look

Redazione Ville&Casali

Cucine in legno, dal rustico al contemporaneo

Redazione Ville&Casali