Pubblicità
Pubblicità

Il doppio sogno di Cortina

di Redazione Ville&Casali

Cortina ha messo in cantina la mondanità più ostentata e obsoleta, la ribalta talvolta grossolana. E oggi ricerca la sua vera natura: dolomitica, riservata, elegante, fieramente conservativa. Perché c’è qualcosa dell’antica Anpezo che in pochi conoscono. Quel qualcosa sono le Regole d’Ampezzo: un millenario istituto di proprietà collettiva, che ancora oggi controlla e protegge la maggior parte del territorio di Cortina, incluso il Parco delle Dolomiti d’Ampezzo.

Cortina mantiene alti i numeri del turismo: la stagione invernale 2010-2011 è stata un record assoluto degli ultimi 6 anni, mentre il calo del 5 per cento del 2011-2012 si spiega con la scarsità di neve. L’estate 2012 invece è stata un successo pieno: duecento eventi, tra cui il rodato Cortina in Croda (con Erri De Luca e Dacia Maraini). Il piano urbanistico è inflessibile: divieto di costruire, di aggiungere cubatura, di modificare lo skyline con ristrutturazioni fantasiose.

La tipicità architettonica a Cortina sono le case ampezzane, datate dal Seicento al Sette-Ottocento e agglomerate nei sestieri. Sono monovolume, a differenza di quelle altoatesine. Presentano due piani più la soffitta, e un tetto in doppia falda. Hanno la parte in muratura bianca rivolta a valle, mentre la parte in legno, l’ex stalla o fienile, è verso monte. Appena il 2 o 3 per cento di queste case è in vendita: molte sono abitate dai residenti, altre hanno troppi eredi e non sono frazionabili.

In zone di pregio come Cianderies, via Menardi o Crignes ci sono numerose ville, sorte prima degli anni Settanta, spesso restaurate o ricostruite, con piscina o giardino. Ci sono infine i vecchi appartamenti in condominio, di 200 metri quadri circa: sono richiesti quelli in zone vicine al centro ma meno trafficate, come Chiave, soleggiata e panoramica, o ancora Crignes e via Menardi. Il valore delle residenze dipende dalla zona e dalla qualità delle finiture, non dalla tipologia e dall’antichità. Il range è sempre dai 20 mila ai 24 mila euro al mq, e il calo delle vendite con la crisi si è arrestato al 10-15 per cento.

Mentre sogna i Mondiali dello Sci del 2019, per cui è candidata, Cortina ha uno slogan turistico, il doppio sogno, che riassume la tendenza al rinnovamento, tra glamour e forza della montagna.

Pubblicità

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Atmosfere rural-chic

L’interior designer Gian Paolo Guerra elabora lo stile...

vivere in un fienile

Vivere in un fienile trasformato in una dimora da sogno

Un edificio in pietra e sassi, tipico delle Langhe, ris...

Una villa racchiusa in un colpo d’occhio

Ristrutturata dall’architetto Stefano Dorata con la co...

Puglia contemporanea

L’intervento di restyling dell’arch. Giuseppe Milizia...

Un casale aperto alla natura

A Città della Pieve, un antico fabbricato è diventato...

Ville&Casali su Instagram