15 dicembre 2018
Ville&Casali
Itinerari Piemonte

In viaggio sul Treno del Foliage per una gita fuori porta

È finita l’estate, ma non le buone occasioni per una gita fuori porta. Con l’arrivo dell’autunno si apre ufficialmente la stagione del foliage. Che quest’anno, complici le alte temperature fino a settembre inoltrato, regalerà colori ancora più accesi del solito. Perché non godersi lo spettacolo a bordo di un treno?

Foliage nella Valle dei Pittori

La variazione dei colori delle foglie nei mesi da settembre a novembre è uno degli spettacoli più affascinanti offerti dalla natura. Oltre ad essere una visione rasserenante e anti-stress, è anche un soggetto ideale per gli appassionati di fotografia naturalistica. Una gita fuori porta in treno attraverso valli e boschi dalle tonalità cangianti può allora offrire degli scorci davvero originali da immortalare.


La tratta ferroviaria Vigezzina-Centovalli, che collega l’Italia alla Svizzera, organizza quindi viaggi studiati appositamente per godersi il foliage.
La ferrovia panoramica più bella d’Italia parte da Domodossola in Piemonte e, attraversando la Val d’Ossola e la Val Vigezzo, nota anche come Valle dei Pittori, arriva fino a Locarno sul Lago Maggiore.

Non solo foglie

Il viaggio dura un paio d’ore per un percorso di poco più di 50 chilometri. È possibile farlo anche a tappe, scendendo alle diverse fermate e concedendosi delle passeggiate fra gli alberi. O magari approfittare degli eventi programmati per l’autunno nelle diverse località attraversate.
Inoltre, al momento dell’acquisto del biglietto, si può scegliere di abbinare il Treno del Foliage ad altri pacchetti turistici già predisposti. Ad esempio, per gli amanti dei tour enogastronomici, c’è il pacchetto “Un viaggio da gustare”. I viaggiatori, presentando il biglietto, avranno diritto a degustazioni omaggio di specialità piemontesi e svizzere.
Il Treno del Foliage viaggia solo per periodi limitati e conviene prenotarsi sul sito (a questo link).

Per approfondimenti:
sul turismo in treno
su percorsi nei boschi

Altre letture consigliate

Territorio del Chianti: un mare di vigneti

Ilaria Proietti

Biella diventa la capitale internazionale del turismo enogastronomico

Sara Perro

Turismo vintage: verso il Lago d’Iseo sul treno d’epoca

Giorgia