fbpx
20 Agosto 2019
Ville&Casali
Enogastronomia

La Via Lattea: gelato di bufala

Il gelato di bufala, a base di latte e panna di mucca e di bufala locale, che spopola nel nord Europa, nasce in Sabina, nella minuscola Casperia. La Via Lattea è rimasta il piccolo, perfetto laboratorio nato nel 1999. Ma oggi il titolare Francesco Prioreschi – un romano cresciuto in Sudafrica, che ha fatto lo scenografo a Johannesburg, il gelataio a Roma e infine si è trasferito qui perché la città “gli stava stretta” – non serve più gelati al dettaglio.

Il suo prodotto di nicchia approda sugli scaffali dei migliori negozi e ristoranti “bio”: per il 40 per cento a Roma e Milano, e per il 60 per cento all’estero, in Olanda, Germania, Svezia e Danimarca, in barattoli di latta dal design rétro.

È talmente popolare in Svezia, che è appena passato a salutarlo il celebre presentatore della televisione Hagstrom. Gli ingredienti sono a chilometri zero, come il latte dell’azienda Casale Nibbi di Amatrice, a ridosso del Gran Sasso, non vengono aggiunti grassi, né coloranti; l’unico addensante è la farina di carruba.

Con soli sei dipendenti, La Via Lattea ha partecipato a febbraio all’ultima edizione del biofach, con il suo gelato di bufala. Scoprite il sito ufficiale: www.lavialattea.com.

Altre letture consigliate

Bufala, quella genuina

Redazione

La Bottega dei Contadini di Messner

Redazione

La costa del Molise, una meta sorprendente

Redazione