fbpx
20 Ottobre 2019
Ville&Casali
Enogastronomia

Alchimie tra i fornelli dei ristoranti di Sansepolcro

I ristoranti di Sansepolcro, in provincia di Arezzo, propongono una cucina toscana rivisitata con influssi artusiani e con prelibate delizie gastronomiche.

Fiorentino è il nome dell’unico albergo della città, fondato nei primi dell’800. Ma il fascino di questo luogo, costruito in anni di alchimie fra i fornelli, deriva anche dalla personalità dell’attuale titolare, Alessio Uccellini, un personaggio che difficilmente ti scordi. A dargli mano c’è ora la figlia Alessia che, per l’alta cucina e la passione per il vino, ha girato le spalle alla sua laurea in architettura.

[nggallery id=189 rel=lightbox]

Le ricette artusiane sono di casa al ristorante “Fiorentino”, ma la storia culinaria del Novecento è rivisitata dallo chef ogni giorno, a parte alcune ricette intoccabili come la Galantina di pollo (Artusi) o il Lattaiolo. I dolci al carrello sono proposti in una varietà incredibile. Prezzi dai 30 ai 40 euro, vini esclusi. Carta eccellente. (www.ristorantefiorentino.it).

Una buona cucina a base di funghi e sformati di verdure si può assaporare anche al ristorante Al Coccio, di Sansepolcro. (www.alcoccio.com). Infine, qui è forte la tradizione di buone carni, con buoni allevamenti e bravi macellai. Fra i più rinomati c’ è la “Macelleria Martini”. Sotto l’occhio vigile di mamma Ersilia, Marcello e Ivano tagliano e confezionano carni di primissima qualità, brasati, insaccati e altre specialità locali pronti per la cottura.

Altre letture consigliate

Nel mercato immobiliare di Lucca l’affare sta in centro

Maria Paola Gianni

“Mal”di Lucca

Maria Paola Gianni

Una cucina in campagna

Paola Pianzola