I dolci tipici di Carnevale

di Redazione Ville&Casali

chiacchiere
I dolci tipici di Carnevale portano in tavola tutto il gusto e l’allegria della festa più colorata dell’anno. Una festa dalle origini incerte; una delle principali teorie sostiene che si tratti di una festa popolare collettiva trasmessa attraverso i secoli come eredità delle feste pagane dell’antica Grecia. In epoca cristiana il Carnevale (probabilmente derivato dal latino “carnem levare“) segna l’ultimo periodo di festa prima di quello di raccoglimento e penitenza della Quaresima.
Oggi il Carnevale è festeggiato in molti paesi del mondo riprendendo la tradizione del mascheramento, che anche nell’antichità serviva a rendere più forte l’idea di evasione dalla realtà. Tra i festeggiamenti più famosi in Italia, da ricordare sicuramente il Carnevale di Venezia, in Veneto, quello di Viareggio, in Toscana, e quello di Ivrea, in Piemonte, famoso anche e soprattutto per la spettacolare “Battaglia delle arance”.
[nggallery id=191 lightbox=rel]
Ma il Carnevale si festeggia anche in tavola, con dolci tipici preparati secondo ricette tradizionali delle diverse regioni italiane: dagli struffoli napoletani alle castagnole semplici e ripiene scopriamo i piatti tipici di Carnevale da Nord a Sud della Penisola.

 

Krapfen: antica specialità austriaca, diffusa in quello che fu il Lombardo-Veneto e oggi tipica del Trentino, ripiena di marmellata e ricoperta di zucchero a velo.

Chiacchiere: specialità semplice e gustosa, diffusa in tutt’Italia, sebbene con nomi diversi: in Friuli si chiamano Grostoli, in Emilia Sfrappole, nelle Marche Frappe, in Toscana Cenci, in Campania Chiacchiere

Castagnole: una morbida e gustosa ricetta tipicamente friulana.

Cicerchiata: tipica del centro Italia, ha una tradizione molto antica e una ricetta a base di miele.

Ravioli dolci: tortelli di pasta ripieni di marmellata o di ricotta.

Struffoli: dolce napoletano guarnito con “cannulilli” e “diavulilli” colorati, per esaltare l’atmosfera di festa del Carnevale.

Zeppole: bignè tipico napoletano diffuso senza ripieno o con crema pasticciera

Si tratta di dolci prevalentemente fritti e sostanziosi, ma come dicevano i nostri antenati latini “Semel in anno licet insanire”! (Una volta all’anno è lecito far pazzie!). E quando è possibile farlo se non a Carnevale?

Pubblicità

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Rifugio del cuore

Un antico cascinale immerso nella verde quiete dell’Al...

Un biolago tra i pini, a due passi dal mare

È nel cuore della Maremma toscana, immersa in una pine...

Come i colori cambiano l’immagine di una casa

Lo studio Officina 8a rinnova gli ambienti interni di...

Una villa veleggia verso Ortigia

Sul promontorio del Plemmirio, di cui parla Virgilio n...

vivere in un fienile

Vivere in un fienile trasformato in una dimora da sogno

Un edificio in pietra e sassi, tipico delle Langhe, ris...

Ville&Casali su Instagram