Pubblicità
Pubblicità

Franciacorta: specialità culinarie

di Redazione Ville&Casali

Franciacorta

In Franciacorta, terra di grandissimi vini, la cucina negli ultimi anni ha fatto passi da gigante, affermando una ristorazione altrettanto prestigiosa, ben espressa da trattorie e agriturismi.

Un territorio ricco di sorprese che va scoperto fra borghi e colline, lasciandosi catturare dal loro fascino, decidendo all’ultimo momento dove fermarsi per degustare i vini, alla scoperta dei piccoli paesi, di trattorie locali a conduzione familiare o dei ristoranti più raffinati.

I due piatti più famosi sono il manzo all’olio di Rovato (dove si tiene, dai tempi della Serenissima, uno dei principali mercati italiani della carne) e la tinca ripiena, specialità di Clusane, piccolo borgo di pescatori vicino a Iseo. Due pietanze da gustare con la tradizionale polenta.

Ma la Franciacorta è nota anche per i suoi ottimi bolliti, proposti in ricchi carrelli, e per gli spiedi, che sono preparati in autunno con leggere varianti in moltissime trattorie.

E poi il pesce di lago, dal vicino Sebino (lago d’Iseo), tinche, salmerini, coregoni e le sardine essiccate (Presidio Slow Food).Franciacorta

Tra i primi sono ricorrenti gli gnocchi di patate e casonsei (versione bresciana dei ravioli), tortelli e strangolapreti (gnocchetti di spinaci); fra i dolci il bossolà, parente stretto del pandoro veronese, e la torta di rose.

Mentre tra i formaggi abbiamo la Robiola bresciana, gli Stracchini, il Pressato, il Salva, il Silter e le Dop Gorgonzola, Grana Padano, Provolone Valpadana, Quartirolo Lombardo.

Immancabili i mieli, gli insaccati, i salumi (quali il salame di Monte Isola, leggermente affumicato e la Ret di Capriolo) e l’Olio extravergine d’oliva Dop Laghi Lombardi a indicazione geografica Sebino.

Ed ecco la ricetta della Tinca

La tinca al forno della Franciacorta

(secondo la Trattoria Al Porto di Clusane d’Iseo, seguita dalla famiglia Bosio dal lontano 1862: la chef Gabriella Bosio ci rivela la sua ricetta, piatto clusanese per eccellenza).

Ingredienti (4 persone):

  • 4 tinche 300 g. cadauna
  • 300 g. di burro
  • 300 g. di grana padano
  • 300 g. di pane grattato
  • misto di spezie (cannella, noce moscata, chiodi di garofano, pepe, sale, olio di oliva, prezzemolo quanto basta, qualche foglia di alloro)

PreparazioneFranciacorta

Incidere la tinca dalla parte della schiena e lavarla in acqua corrente. Preparare il ripieno con il formaggio, il pane, il sale e il prezzemolo. Riempire le tinche con il ripieno asciutto. Adagiare in una teglia in terracotta precedentemente bagnata con poco olio e foglie di alloro.

Ricoprire con parte del ripieno asciutto e pezzetti di burro. Infornare a fuoco moderato (160 gradi) per circa due ore.

Servire con polenta fumante.

 

 

 

A cura di MARIA PAOLA GIANNI

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Un antico fienile con vista

A Cortina gli architetti Silvio, Valentina e Jacopo Be...

La sentinella delle Alpi

Un’antica baita affacciata sulle montagne della Valtel...

vivere in un fienile

Vivere in un fienile trasformato in una dimora da sogno

Un edificio in pietra e sassi, tipico delle Langhe, ris...

Una casa in legno che esalta i cinque sensi

Sulle colline di Rimini tutti i comfort di una villa d...

casale ristrutturato umbria

Design in un casale ristrutturato tra gli ulivi

A cinque minuti dalla città di Perugia, dopo aver varca...

Ville&Casali su Instagram