17 Febbraio 2019
Ville&Casali
In edicola

È in edicola il numero di febbraio 2019 di Ville&Casali

Anche questo mese proponiamo ai lettori le case che ci hanno più emozionato.

L’emozione è la scintilla della conoscenza.

La parola “emozione” deriva dal latino “emovere” che significa mettere in movimento.

Per questa ragione abbiamo avviato un mese fa una nuova rubrica, che si chiama “get inspired”.
Cerchiamo di cogliere le ispirazioni che hanno spinto un architetto o un interior designer a utilizzare
determinati oggetti o colori, per scoprire cosa può offrirci il mondo della produzione industriale o
dell’artigianato, oppure l’antiquariato.

Un esempio della rubrica “get inspired” è la residenza del XVI secolo vicino a Parigi che Ville&Casali presenta questo mese.

Una dimora classica e contemporanea, con preziosi oggetti di design italiano degli anni Cinquanta, realizzata dall’architetto Didier Benderli.

Un altro esempio è il casale nella tenuta del Castello di Reschio in Umbria arredato con un’eleganza confortevole e sobria dalla designer inglese Nicky Dobree, in collaborazione con l’architetto Benedikt Bolza.

Ma il progetto che forse ci ha emozionato di più è la villa alle porte di Miami realizzato dallo studio sudafricano SAOTA e dall’interior designer americana Lynda Murray. Sembra di vivere su uno yacht!

Un’altra novità diVille&Casali, che quest’anno festeggia il suo 30esimo anniversario, è la sezione ristrutturare che presenta la trasformazione di una ex-falegnameria in un confortevole loft da parte dello studio Alessandro Bucci Architetti di Faenza.

Seguono alcuni articoli “di produzione” su finestre, cucine country, illuminazione, sicurezza e bagni.

La sezione immobiliare della rivista, poi, si apre con un ampio reportage su Courmayeur e La Thuile che stanno vivendo un grande boom turistico con l’apertura di nuovi alberghi e la costruzione di moderni chalet.

Un fermento analogo si registra a Seefeld, cittadina austriaca dove gli italiani sono di casa, che ospiterà alla fine di febbraio i Campionati mondiali di sci nordico.

Infine, Ville&Casali propone un weekending a Pisa non solo per vedere la mostra da Magritte a Duchamp, ma per ammirare Piazza dei Miracoli con la sua famosa torre, un po’ meno pendente di qualche decennio fa.