fbpx
22 Ottobre 2019
Ville&Casali
Storie

Tenuta San Guido: una nuova casa per il Sassicaia

Il Sassicaia è il vino italiano più noto e celebrato, si colloca autorevolmente tra i più grandi al mondo, ma soprattutto è stato il precursore della rivoluzione vitivinicola italiana. Infatti, quando negli Anni ’60 le vigne in Italia erano a poco più di 1.000 ceppi per ettaro, le macerazioni brevi e le botti solo grandi, “lui” invece nasceva da impianti ad altra densità, lunghe macerazioni e botti piccole, piccolissime, le barrique; perdipiù era frutto di una sola varietà francese: il cabernet sauvignon. Ebbene, “lui” è il Sassicaia, il vino inventato dal marchese Mario Incisa della Rocchetta, che ebbe la felice intuizione di usare una metodologia totalmente francese, o meglio bordolese, in questa terra dal microclima particolare.

Di fatto, il Sassicaia nacque nel 1948 come vino della famiglia, ma la prima annata commercializzata è stata la mitica 1968. Poi arrivarono la distribuzione da parte dei cugini Antinori e con loro l’enologo Giacomo Tachis: man mano il Sassicaia ha iniziato a scalare il mondo. Oggi, la tenuta in cui nasce è guidata da Nicolò Incisa della Rocchetta, il figlio di Mario, il grande rosso ha due “fratelli minori”, la distribuzione esclusiva è curata dalla brianzola Meregalli, ma il fascino è immutato. Infatti, nonostante l’azienda vitivinicola sia cresciuta – e con essa anche la produzione dello stesso Sassicaia – questo aumento è avvenuto sempre per piccoli passi, nel solco della tradizione e solo al fine di ottimizzare la fasi di produzione del vino. Per questo, il passo più recente è stato compiuto nella fase “critica” di maturazione in legno, con il rifacimento della barriquaia, oramai datata e di gestione troppo difficoltosa viste le bottiglie prodotte. Un passo, quindi, dettato dalla necessità e non certo dal mero e sterile desiderio di avere una “nuova cantina”. Per questo motivo, la struttura è stata progettata da un architetto che nel vino c’è nata, Agnese Mazzei, tra l’altro già autrice della recente cantina dell’azienda di famiglia.

[nggallery id=20 rel=lightbox]

Così, l’arch. Mazzei ha ben tradotto in realtà il desiderio di Nicolò Incisa della Rocchetta di efficienza da un lato e di perfetta sintesi di modernità e rispetto della tradizione dall’altro. Ne è nata una struttura armonicamente inserita nell’ambiente che, su una superficie complessiva di 750 mq non interrati, è esclusivamente frutto di un’idea basata sulla pulizia delle linee e la semplicità dei materiali. Perché già la stessa costruzione si ispira alla cantine di una volta, fatte di materiali poveri e riciclabili tipici di un contesto rurale lontano anni luce dalla spettacolarità.

L’azienda

Tenuta San Guido Loc. Le Capanne, 57022 Bolgheri (LI) Tel. 0565/762003 www.sassicaia.com
Distribuzione esclusiva Gruppo Meregalli www.meregalli.it

Vigneti

52 ettari piantati a Cabernet Franc, Cabernet Sauvignon, Merlot e Sangiovese.

Gli altri vini

Guidalberto (60% Cabernet Sauvignon, 40% Merlot)
Le Difese (70% Cabernet Sauvignon, 30% Sangiovese)

di Alberto Lupetti

Altre letture consigliate

Un fascio di luce in Gallura

Loredana Ficicchia

La vigna di Leonardo rivive nel Montalbano

Loredana Ficicchia

Carpineto stupisce di nuovo con il Chianti Classico

Redazione Ville&Casali