Viaggi di primavera, le mete consigliate


Il sole e una variazione di temperatura sempre più orientata verso l’alto, sono fattori determinanti per il boom delle partenze che in genere si registra in primavera. I primi tepori oltre a risollevare l’umore e far impazzire gli ormoni, invogliano infatti a salutare il classico divano domenicale e uscire di casa. La stagione primaverile sembra fatta apposta per abbandonare il letargo invernale, viaggiare, esplorare e scoprire nuove mete. Le giornate si allungano, i fiori sbocciano e grazie alla convenzione dell’ora legale c’è luce naturale fino a tarda sera, l’ideale per perlustrare nuove località e trascorrere tempo all’aperto.

Dove e quando andarci

Tra le mete più gettonate dagli italiani ci sono senza dubbio paesi caldi come Egitto, Marocco e Tunisia, ma l’Europa resta la prediletta. Irlanda, Francia, Belgio, Spagna, Portogallo e Olanda sono prese letteralmente d’assalto dai turisti nostrani in cerca di svago, disposti a prendere un aereo e spostarsi anche solo per il weekend. Il clima è senza dubbio meno mite di quello riscontrabile nello stesso periodo nel Bel Paese, ma le probabilità di trovare il sole aumentano proporzionalmente all’incalzare dei mesi. Maggio e Giugno sono, ad esempio, ideali per visitare le località più fredde, come Svezia, Scozia, Inghilterra, Austria e Germania. Aprile rappresenta, invece, il mese più indicato per visitare la penisola iberica: brezza e profumi primaverili contribuiranno ad allietare il soggiorno.

Cosa mettere in valigia

Sia che si tratti di un weekend lungo, sia di una vacanza più breve, in valigia non può mancare il necessario per affrontare le escursioni termiche tipiche di questo periodo, soprattutto nell’entroterra europeo. Una giacca antivento impermeabile, una felpa e un maglione in cotone sono indumenti indispensabili, mentre un paio di scarpe di ricambio può sempre tornare utile qualora piova o siano in programma scampagnate. I Paesi baltici sono famosi per il clima rigido, per cui presentarsi in pantaloncini e maniche corte potrebbe dimostrarsi un’idea pessima.

Come prenotare

Oggi, grazie al supporto della rete, i metodi di prenotazione a disposizione sono molteplici e variano in base alla tipologia di vacanza: Hotel, B&b, case vacanza, ostelli e appartamenti sono valutabili a distanza mediante rispettivi siti web, apposite piattaforme e recensioni dei viaggiatori. Il mercato europeo delle strutture ricettive è piuttosto uniforme e si attiene, nella maggior parte dei casi, al rispetto delle fondamentali norme igieniche. Muoversi con un po’ di anticipo permette in ogni caso di evitare frodi, ma c’è chi preferisce affidarsi comunque al caso, optando per comodi e lussuosi last minute.

© Riproduzione riservata