Casa fuori Roma: tutti la vogliono


La maggiore crescita delle contrattazioni nella provincia di Roma conferma la fuga dalla città e dai suoi problemi: inquinamento, traffico, sporcizia.

A parità di spesa fuori dalla città è più facile trovare immobili meno cari e dotati di uno spazio esterno in cui far giocare i bambini e gli animali domestici, o coltivare un proprio orto. Inoltre, oggi i piccoli paesi di provincia non sono più luoghi dai quali dover fuggire, perché offrono ugualmente dei buoni servizi. Le nuove tecnologie, inoltre, permettono di svolgere molti lavori da casa, e questo invoglia a scegliere di vivere nel verde. Ville&Casali ha preso in considerazione alcune delle zone più belle che si trovano entro 40 km dalla Capitale: a Nord di Roma la zona residenziale dell’Olgiata, che pur facendo parte del XV Municipio è fuori dal raccordo anulare, i paesi che si affacciano sul lago di Bracciano, il litorale romano e i castelli romani.

OLGIATA, FORMELLO, LE RUGHE

Casa fuori RomaNel comprensorio dell’Olgiata, a venti km dal centro, lungo la via Cassia, si può realizzare il sogno di vivere nel verde, con la possibilità di raggiungere in poco tempo il centro di Roma grazie alla superstrada Cassia bis, e al collegamento con la linea ferroviaria della stazione Olgiata. È un’oasi privilegiata che si sviluppa su 612 ettari, con servizio di vigilanza 24 ore su 24. Uno dei gioielli del consorzio è l’Olgiata Golf Club, ritenuto il miglior golf d’Italia e uno dei primi 100 nel mondo, con un percorso di 27 buche. Nello stesso comprensorio c’è il centro ippico Olgiata Park, il Country Club con una piscina olimpionica e il punto di aggregazione Ribot con un bar e un ristorante. Il comprensorio è caratterizzato da ampie aree verdi e da grandi ville che negli anni sono state acquistate da molti professionisti, personaggi dello spettacolo, e calciatori. Stella Carnacina responsabile di Carnacina Immobiliare spiega: “Qui c’è una ripresa, ma vende solo chi è disposto a vendere al prezzo di mercato.

Con l’avvento dell’euro le case sono artificialmente raddoppiate di valore: se una casa costava un miliardo è stata messa in vendita ad un milione di euro. Il mercato ha ridimensionato il bluff e ora si riparte dai valori reali delle case. Oggi il compratore vuole comprare al prezzo giusto, di mercato”. Difficile stabilire un prezzo al metro quadro in questa zona perché oltre alle metrature delle ville devono essere presi in considerazione anche il giardino, la posizione (più apprezzate le ville sul golf), la vetustà dell’immobile etc. Rispetto al centro storico i prezzi al mq sono comunque decisamente più interessanti (circa la metà). All’Olgiata, un comprensorio nato mezzo secolo fa si assiste a un grosso ricambio generazionale: “il target di persone che oggi acquistano dentro al comprensorio sono famiglie di età tra i 38 e i 50 anni che cercano spazi grandi, il verde e un’ampia scelta di scuole internazionali nella zona; le persone di una certa età invece vendono per avvicinarsi al centro. Le famiglie che comprano nel comprensorio fanno anche un’altra valutazione: con una casa all’Olgiata con piscina, o utilizzando quella del Country Club o del Golf Club, si può evitare di affittare una casa al mare d’estate”, spiegano i soci della Coldwell Banker di Piazza Mignanelli che si occupano anche di alcune ville in questa zona. Una zona vicina nel verde, è quella di Formello, le Rughe, e l’area intorno al Parco di Veio. Francesca Nolfo, dell’agenzia Immobilia.RE Veio lamenta un crollo dei prezzi, un 40-50% in meno rispetto ai massimi e un mercato ancora debole. La richiesta è concentrata su immobili piccoli ma nuovi di 100-150 mq con giardino”.

SUL LAGO DI BRACCIANO

A 30 minuti da Roma, c’è il lago di Bracciano, uno dei laghi più grandi del Sud Italia, sul quale sorgono tre comuni: Bracciano, Anguillara Sabazia e Trevignano Romano. Scelto spesso come alternativa al mare, perché considerato tra i laghi più puliti d’Italia, è un luogo che si presta a bellissime passeggiate lungolago e alla possibilità di praticare gli sport acquatici grazie alla presenza dei numerosi circoli velici. Su un’insenatura della costa settentrionale del lago, sorge Trevignano Romano, un comune di circa 5mila abitanti che in estate arriva intorno ai 12mila. Un paese molto ricco, anche culturalmente, perché da maggio a settembre ogni sera c’è un evento culturale: qui si svolge il Festival internazionale del cortometraggio e ci sono anche eventi di nicchia come serate jazz. Marco Riezzo, titolare di Tectum Immobiliare (06-9997877), spiega a Ville&Casali che a Trevignano l’economia è impostata sulla ristorazione, perché ci sono sessanta ristoranti, e sull’immobiliare.

“Questo luogo”, racconta “è ancora frizzante nonostante i momenti di crisi; noi vendiamo ad inglesi, tedeschi, olandesi, professionisti e molti clienti di Roma Nord che hanno scelto questa zona come seconda casa perché è in un posto bello, fruibile anche per mezza giornata. L’anno scorso ho venduto quattro ville a dei russi, abbiamo ville sotto al milione ma anche ville molto prestigiose che vanno oltre il milione e mezzo ricercate soprattutto da russi; qui c’è spesso una clientela che non ha neanche necessità di attivare un mutuo”.

Anche la locazione sembra buona in questa zona perché in estate si possono affittare appartamenti di 60 mq anche a 3mila euro al mese, sia a stranieri che italiani. Sono numerosi i Bed & Breakfast e le case vacanze grazie all’alta richiesta di affitti per i week end o per i periodi estivi, perché le varie amministrazioni per tutelare la bellezza di Trevignano non hanno mai permesso lo sviluppo di grosse strutture alberghiere intorno al lago.

A Bracciano e Anguillara invece c’è un altro tipo di clientela e un notevole fermo immobiliare, con case che costano il 40% in meno rispetto a Trevignano. Sono comuni piccoli, a 30 km dal centro di Roma, che si sono sviluppati grazie alla linea del treno che ha permesso a numerosi abitanti il pendolarismo. Chi lavora a Roma da questi due paesi può spostarsi comodamente e comprare casa a prezzi ridotti.

Michele Cardone dell’Agenzia Acropoli spiega: “Una volta si vendeva molto sopra i 2mila al mq, adesso si fa fatica. Sono molto richieste le villette a schiera con uno spazio esterno e meno le grandi ville; si punta sempre di più a cercare il miglior prezzo e meno la qualità della casa”. Dall’inchiesta su questi tre comuni si percepisce molto chiaramente quanto Trevignano sia un mercato a parte. Non ha il treno e questo fatto, che all’inizio del boom edilizio sembrava un limite, in realtà sembra una risorsa perché ha reso questo luogo elitario.

IL LITORALE ROMANO

Casa fuori RomaUn tempo il mare veniva scelto prevalentemente per trascorrerci le vacanze estive, oggi invece alcuni scelgono di viverlo tutto l’anno optando per cittadine che si affacciano sul mare. Mario Tomassi, titolare della Sairi Immobiliare che opera nel mercato immobiliare di Roma e del Litorale Nord, spiega che “la tendenza a cercare casa fuori Roma per poterci vivere è ancora molto diffusa, specie da famiglie con bambini. Fuori Roma anche con 1.500 euro al mq si può acquistare una casa”. A poco più di 30 km da Roma c’è Ladispoli che secondo Tomassi “è una cittadina completa, che offre molti servizi ed è ben collegata con il treno a Roma.

Marina di San Nicola è più raccolta, con villini gestiti da un consorzio che tiene la zona molto curata e garantisce una videosorveglianza del territorio 24 ore su 24”.

Sempre sul litorale romano, a circa 30 km a ovest di Roma e a 15 km dall’Aeroporto Leonardo Da Vinci, si trova Fregene, cittadina balneare storica che si affaccia sul mar Tirreno. Grazie al clima favorevole è una località che si può vivere tutto l’anno; in particolar modo nel periodo estivo si anima notevolmente per i suoi numerosi stabilimenti. Funzionano bene anche i trasporti perché la cittadina è servita dalla Stazione di Maccarese- Fregene e collegata con Roma dalla linea di bus. È però perlopiù frequentata dai romani che l’hanno scelta come seconda casa per il week end e le vacanze. Anche in questa zona però la crisi si è sentita. Cristina Chiodi proprietaria del Riviera Immobiliare (06- 6685522) e il marito dello stabilimento Riviera, spiega che a Fregene “negli ultimi 2-3 anni c’è stata una crisi fortissima.

Molti affittano le proprie case per pagare le tasse. Prima le richieste di affitto erano stagionali ora invece al massimo per un mese. L’anno scorso è stato il peggiore, ma ora percepiamo un leggero movimento, almeno nella richiesta di informazioni per l’acquisto di ville. I costi delle ville dipendono dalla zona e dalla grandezza dei giardini. Solitamente oscillano sui 5-6mila al mq”.

I CASTELLI ROMANI

I Castelli Romani comprendono un insieme di cittadine dei Colli Albani che si trovano a Sud Est di Roma. Tra queste spicca Castel Gandolfo a 20 km dal mare, due laghi, siti archeologici, e la residenza estiva papale. In questa zona ci sono molte tenute antiche e ville importanti.

Maurizio Lucci di Casa Elite segnala che a Castel Gandolfo nel 2016 c’è stato un aumento delle compravendite che però è stato accompagnato da un calo dei prezzi. “Ho recentemente venduto una villa su via dei laghi, di 600 mq più 5mila mq di parco e due vasche romane per un milione di euro, dieci anni fa si sarebbe potuta vendere al doppio”. La zona più bella è Montecrescenzio perché è su una costa che da un lato guarda Castel Gandolfo, e dall’altro Roma e il mare, quindi le case godono di una doppia esposizione con un panorama fantastico. Altra zona bella è viale Bruno Buozzi, un tratto lineare di 1km che collega Marino a Castel Gandolfo, caratterizzata da villini liberty del primo Novecento con panorama unico.

“Qui non esiste il prezzo delle ville al metro quadro perché sono tutte diverse tra loro e molte sono state costruite negli anni Venti; il prezzo si può conoscere sulle nuove costruzioni perché si conoscono i costi di realizzazione”, spiega Lucci.

Ci sono ancora persone che scelgono di vivere in provincia e optano per i Castelli Romani, ma sempre meno rispetto al passato, sostiene Andrea Cortese, uno dei titolari dell’Immobiliare Raggi e Di Nunzio che ritiene si stia verificando una tendenza opposta: “Prima sicuramente c’era più gente che da Roma veniva a vivere verso i Castelli Romani. Alcuni ancora lo fanno per evadere, ma sicuramente la città offre più comodità e più servizi”. Grottaferrata un tempo era considerato un luogo privilegiato di villeggiatura per la ricca borghesia romana che infatti vi costruì numerosi villini prestigiosi. “Negli anni Ottanta e Novanta — aggiunge Andrea Cortese- c’era stato un boom di richieste di ville, oggi invece la villa viene chiesta di meno perché i costi di manutenzione sono elevati e soprattutto c’è la paura dell’isolamento. C’è maggiore richiesta di appartamenti o villini piccoli di massimo 200mq che non superino i 500mila euro. Le famiglie diminuiscono, sono meno numerose, quindi non cercano più ampi spazi”.

Scopri la tua casa fuori Roma

Vuoi saperne di più? Abbiamo dedicato a questo tema un ampio articolo pubblicato sul numero di aprile del nostro giornale. Se te lo sei perso, puoi recuperarlo scaricando la App e leggendolo sul giornale digitale, basta andare a questo collegamento, dove troverai le informazioni sull’ultimo numero di Ville&Casali e i link per le diverse App per il tuo dispositivo.

Se invece vuoi controllare di persona le occasioni di investimento nella zona di Roma, allora puoi consultare i nostri annunci.