Salone del Mobile: a Milano nuove idee per la casa


L’appuntamento con la 56esima edizione del Salone del Mobile si annuncia, anche quest’anno, ricco di appuntamenti.

Dal 4 al 9 aprile Milano sarà, ancora una volta, il centro della creatività, della progettazione e del design.

Per la prima volta nella storia della manifestazione a inaugurare l’evento, presso il quartiere Fiera Milano a Rho, ci sarà il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, una presenza di grande rilievo che conferma l’indiscutibile importanza della kermesse, considerata oggi l’appuntamento mondiale di riferimento per chi gravita nel mondo del design e della progettazione.

L’intera città per otto giorni diventerà vetrina e verrà completamente coinvolta in un sistema di eventi – il Fuori Salone – che dalla famosa zona Tortona, si svilupperanno fino a Lambrate coinvolgendo le storiche location di Brera e tutto il centro urbano.

Un “tumulto” creativo che lancerà nuove avanguardie e dentro cui sarà facile trovare inedite visioni sul Salone del Mobiledesign futuro.

Presso la Fiera di Rho, quest’anno affiancata dall’appuntamento biennale di Euroluce, sono previsti più di 2 mila espositori e oltre 300 mila visitatori provenienti da oltre 160 Paesi.

In fiera l’evento dell’anno sarà Delightful, curato dallo studio Ciarmoli, proporrà una reinterpretazione in chiave surreale degli oggetti di design e sarà affiancata da un video curato dal regista Matteo Garrone.

Particolare attenzione quest’anno verrà data al ventesimo anniversario del Salone Satellite, importante appuntamento rivolto ai giovani progettisti che negli anni ha ospitato creativi provenienti da tutto il mondo.

Per celebrarla saranno due gli eventi in programma: un progetto prototipo con 40 giovani impiegati nelle aziende del settore e una mostra che si svolgerà presso la Fabbrica del Vapore. Dallo stile classico a quello contemporaneo le soluzioni proposte saranno davvero numerose e trasversali e si rivolgeranno a un pubblico ampio ed esigente che sempre più guarda alla qualità e al buon progetto.

 

 

 

A cura di CLAUDIA SCHIERA

© RIPRODUZIONE RISERVATA