Shabby chic per la casa: un progetto d’amore


Quella di Manuela è una casa realizzata con passione, arredata con gusto, arricchita da tocchi Shabby chic che la rendono unica e accogliente. Ci troviamo poco distanti da Klagenfurt, in Carinzia, e la casa è totalmente circondata dal verde di un giardino che Manuela ama all’infinito.

Shabby chicÈ qui che trascorre ogni minuto libero che ha, non solo per compiere quei piccoli o grandi lavori di giardinaggio che ogni stagione impone, ma anche per rilassarsi e per godere dello spettacolo.

La passione per lo shabby chic

Lei stessa definisce il suo giardino come un secondo salotto. Ma la passione più grande di Manuela non è la natura, bensì il mondo della casa e della decorazione in stile shabby chic, tanto da riversare questo suo amore, riflessioni e immagini sul tema fra le pagine del suo blog, www.kunislittlewhitecastle.blogspot.com. Entrata in questa casa nel 2009, Manuela ha trasformato totalmente gli interni nel giro di poco più di un anno, dopo essersi letteralmente innamorata dello stile shabby chic nel 2014.

 

La parola a Manuela

Shabby chic“Leggo di tutto. Riviste specializzate, siti, blog,… E mi lascio ispirare dagli ambienti che vedo”. Punto focale del suo restyling è la palette cromatica, essenzialmente ridotta ad un solo colore rappresentato nelle sue nuance più calde e romantiche: il bianco vivacizzato da colpi di rosa. “Quando sono entrata in quest’abitazione, l’aspetto era piuttosto deprimente e impersonale. Col passare del tempo ho aggiunto colore e dettagli super femminili. Mio marito non li ama, ma io li adoro e mi fanno sentire davvero a casa!” ci racconta Manuela. Tutti i mobili sono antichi o di piccolo antiquariato, acquistati sia nei mercatini, che la padrona di casa ama frequentare, sia su vari siti.

Ogni volta che porta a casa un mobile, la prima cosa che Manuela fa è dipingerlo di bianco, ritrovandosi spesso con macchie di pittura sul pavimento, come lei stessa ci confida. Anche gli oggetti in ferro battuto (soprattutto elementi di serramenti e ringhiere) “subiscono” lo stesso trattamento e, una volta dipinti di bianco, finiscono per arredare le pareti domestiche.

 

 

 

testo Antonella Padularosa foto di Manuela Kaplan