Weekend a Budapest: visitiamo la Parigi dell’Est


Un weekend a Budapest è un progetto realizzabile che offre grandissime esperienze. Basta un breve volo per raggiungere questa sorprendente capitale europea: vivace, elegante, preziosa. Definita la “Parigi dell’Est“, per via del suo fascino e della sua bellezza, come la capitale francese, anche Budapest ruota intorno a un fiume, il Danubio, che pervade la città dividendola in due parti: la collinare Buda sulla riva ovest e la pianeggiante Pest sul lato est. Queste, che una volta erano città indipendenti, furono poi unite con la città di Obuda, nel 1873.

Visitare la perla del Danubio: un weekend a Budapest

Perla indiscussa del Danubio, Budapest, a metà tra Oriente e Occidente, è ricca di storia testimoniata dall’architettura urbana, dai musei, dai monumenti ed edifici storici, non ultimi quelli sede di complessi termali che da sempre costituiscono uno dei richiami principali della città. Incantevole, imponente e aristocratica, dagli immensi viali e dai panorami mozzafiato, è un set naturale, ideale per gli amanti della fotografia. A ogni ora del giorno la luce cambia sulla collina di Buda, sul Danubio blu e su Pest, regalando immagini ed emozioni di volta in volta diverse e sorprendenti.

Weekend a Budapest

A passeggio per la Storia

Uno degli scenari più affascinanti è senza dubbio il Ponte delle Catene, il più vecchio e noto tra i ponti in città: attraversarlo a piedi godendo dei panorami che offre è d’obbligo.

Una volta a Buda, una ferrovia a cremagliera di fine Ottocento conduce in cima alla collina da dove parte un itinerario alla scoperta dei principali monumenti. La Chiesa di Mattia, originariamente nota con il nome di chiesa di Nostra Signora, è quella che vide il più amato re dell’epoca rinascimentale Mattia (Corvino) Hunyadi sposare Beatrice d’Aragona e sempre qui furono tenute varie incoronazioni dei re ungheresi, per esempio quella fastosa, nel 1867, di Francesco Giuseppe e della moglie Sissi. Di fronte, il Bastione dei Pescatori: “Dapprima baluardo fortificato dei cittadini e pescatori, ma dopo la sua trasformazione in stile neo-romanico, divenne un monumento romantico”, spiega Adamikné Juhàsz Nòra, di Budapest Guidata. Da qui si apre il miglior panorama sul Parlamento e su Pest, fino all’isola Margherita, un parco verde nel mezzo del Danubio.

Weekend a Budapest

I cioccolatini della principessa e la Casa del Terrore

Passeggiando tra le incantevoli stradine e le case colorate, si raggiunge il Palazzo Reale, la Cittadella fino al monumento della Libertà. Vale la pena fermarsi per un caffè e una fetta di torta all’antica pasticceria Ruszwurm, aperta nel 1827.

“Nel locale, tuttora arredato in stile imperiale – racconta Nòra – quasi ogni giorno era solita venire la principessa Sissi a bere cioccolata calda e a mangiare cioccolatini”.

Di ritorno a Pest, la tappa principale è senz’altro l’imponente palazzo del Parlamento, che da solo merita la visita alla città. L’edificio, che presenta una commistione di stili, neogotico, neoromanico e neobarocco, si staglia in tutta la sua maestosità sulla sponda orientale del Danubio. Affascinante l’illuminazione notturna che, calda e gialla, contrasta con il blu intenso del Danubio e del cielo insieme. All’interno poco meno di 700 sale sontuosamente decorate e la maestosa scalinata che conduce alla sala della Cupola, dov’ è custodita la corona di Stanto Stefano, l’icona piu importante dell’Ungheria, usata per incoronare i re dal XIII secolo in avanti. Al simbolo del potere politico si contrappone quello del potere religioso: la Basilica di Santo Stefano, il luogo di culto più importante della nazione. Al suo interno la mano mummificata del Santo è la reliquia piu venerata. Non lontano, Piazza degli Eroi, la più grande e la più ricca di valore simbolico di Budapest, con il monumento nazionale in onore ai caduti è l’edificio, quartier generale della polizia politica, oggi divenuto Museo Casa del Terrore: simbolo della storia dell’oppressione del popolo ungherese.

Weekend a Budapest

Antichi quartieri e strade alla moda

Il vicino quartiere ebraico, ricco di locali, street food e ristoranti di vario genere, che propongono dalla cucina cinese a quella serba, è un’area vivace che si sviluppa intorno alla Grande Sinagoga, la più grande d’Europa. Percorrere a piedi le sue vie e respirarne l’aria retrò, è il modo migliore per goderne appieno l’atmosfera. Diversa invece è l’aria che si respira nel quartiere Belvaros, in particolare lungo Váci utca, una delle principali arterie pedonali e, forse, la via più famosa del centro di Budapest.

La fashion street, ricca di negozi, dalle botteghe di artigianato locale ai grandi marchi internazionali, è frequentata dagli amanti dello shopping e da turisti in genere. Nell’attigua piazza Vörösmarty, si trova l’antico Café Gerbeaud che merita una visita sia per l’offerta gastronomica, variegata e curata, sia per gli arredi interni, ricchi di marmi, bronzi, stucchi e sontuosi lampadari.

Weekend a Budapest

Le terme di Budapest

Ma un weekend a Budapest non è completo senza almeno un bagno in una delle oltre 130 sorgenti termali che sono presenti in città. Budapest è infatti la regina delle terme, e “fare il bagno qui” per i locali, è parte della vita quotidiana. Salute, benessere e relax sono le ragioni di questa scelta. L’ampia offerta di strutture termali impone qualche consiglio per chiunque voglia vivere questa esperienza secondo i propri gusti: le terme Gellert, a Buda, sono gioielli di art nouveau, dove sembra di fare il bagno in una cattedrale; i più turchi di tutta Budapest sono invece i Bagni Rudas, costruiti nel 1566; mentre il gigantesco complesso di Szecenchyi, offre 15 bagni termali e 3 piscine all’aperto, di grande suggestione.

Ai Bagni Lukacs va il primato delle acque piu curative. All’interno di ogni complesso, vasche di acqua di varie temperature, da fredda a calda, saune, bagni turchi, cascate di ghiaccio, vasche kneipp, trattamenti e aree relax: benessere per corpo e anima prima del rientro a casa.

Weekend a Budapest

Dove alloggiare

UN B&B DI CHARME E DESIGN

Brodi House. Bródy Sándor u. 10.

Tel.: +36 1 266 1211.

brodyhouse.com

Ex residenza del primo ministro ungherese, nelle sue stanze, ognuna caratterizzata da un proprio stile, ospita un turismo internazionale che apprezza l’impronta minimalista e raffinata allo stesso tempo. Un boutique hotel al passo con l’evoluzione cosmopolita di Budapest.

LA MODERNITÀ AL CENTRO DI BUDAPEST

Kempinski Hotel Corvinus Budapest. Erzsébet tér 7-8.

Tel. +36 1 429 3777.

Bellezza, gourmet, cultura e savoir-vivre: per chi cerca un soggiorno all’insegna del lusso e di ogni comfort, in un clima internazionale, il Kempiski Hotel Cornvinus, è la scelta giusta.

ART DÉCO E DESIGN AL CONTINENTAL

Dohány utca 42-44.

Tel.+36 1 815 1000

continentalhotelbudapest.com

Un romantico ed elegante hotel, nel vivace quartiere ebraico, dal sapore mediorientale, che occupa un edificio un tempo sede dello stabilimento termale Hungária, è oggi un armonico connubio tra lo stile Liberty, l’Art Déco e il design moderno.

 

 

 

a cura di Ilaria Proietti e Niccolò Lozzi