Supramonte: camminare sui sentieri dei carbonai


Il Supramonte è una meta di grande fascino. Sul Golfo di Orosei, dove i Supramontes precipitano in mare, il miglior modo per scoprire questa Sardegna è camminare tra saliscendi rocciosi maculati dalla macchia mediterranea che in parte furono anche sentieri di carbonai. Una camminata lunga ben 40 chilometri, nota come il Selvaggio Blu, uno dei trekking più belli d’Italia che parte da Santa Maria Navarrese e arriva a Cala Gonone tra archi di roccia, grotte carsiche, lecci, ginepri e falesie. Salendo di quota, sopra Baunei e il golfo di Arbatax eccoci “sopra il monte” dove si estendono i profili dei grandi calcari del Supramonte. Qui si trova l’altipiano del Golgo col nuraghe di Coa e Serra, abbarbicato su un piccolo poggio all’ombra di lecci, e – a poca distanza – As piscinas, delle vasche naturali tra rossi affioramenti basaltici già note all’uomo prenuragico dove si raccoglie l’acqua.

Dal Supramonte al baratro sotterraneo

SupramonteLa tappa successiva è Su Sterru, una profonda voragine che s’inabissa per circa trecento metri; giunti sull’orlo (occhio a non scavalcare la recinzione!) la larga bocca evoca il terrore insito dei baratri sotterranei; tuttavia può capitare di incontrare degli speleologi isolani alle prese con la lunga discesa, per loro il paradiso della verticalità in tutta la Sardegna.

Nei pressi, tra possenti ulivi millenari, si trova la secentesca chiesa di San Pietro costruita con le offerte dei pastori dell’altopiano che ogni 28 e 29 giugno rivive nella tradizionale festa dedicata al santo.

Una guida d’eccezione

Tra i migliori conoscitori della Sardegna a piedi, c’è Corrado Conca. Guida escursionistica e autore di numerosi libri propone sull’isola sentieri insoliti, trekking di più giorni in angoli remoti, vie ferrate ed esplorazioni canyoning. Tra i suoi ultimissimi volumi, di particolar pregio e contenuti, è Il top del trekking in Sardegna (edizioni Segnavia) nel quale propone, in italiano e inglese, diverse decine di itinerari inediti e di straordinaria bellezza. E ancora, dettagliati, tappa per tappa: Grande Traversata del Supramonte e Il sentiero Selvaggio Blu.

Per informazioni: www.corradoconca.it e www.segnavia.it

 

 

 

foto di apertura Shutterstock.com

Testi e foto di CARLOS SOLITO

© RIPRODUZIONE RISERVATA