Casa luminosa con le porte scorrevoli


Spazi che si aprono e si chiudono, si dividono e si ricompongono rendendo la casa luminosa. Un flusso di connessioni fra gli ambienti, garantito da un sistema studiato di porte scorrevoli. Stanze che all’occorrenza possono separarsi, ma in realtà sono concepite – nell’idea architettonica – come un grande open space, per rispettare la richiesta del committente di dare all’appartamento leggerezza, fluidità e luce.

È questo il perno su cui hanno lavorato l’architetto Gianni Montesel e l’interior designer Kety Bardin nel progetto per la ristrutturazione di una vecchia legnaia degli anni Trenta, a Sant’Anna di Collalto di Susegana, in Veneto.

L’obiettivo era dare vita a una nuova casa aerea e luminosa, sfruttando le possibilità per la demolizione e ricostruzione, con aumento di volume, consentite dall’applicazione del Piano Casa e ristrutturando un volume da destinare ad abitazione a fianco delle cantine Bernardi, azienda di famiglia del committente.

L’approccio progettuale ha voluto essere filologicamente coerente, così da rispettare sia la tipologia architettonica, sia lo stile country del contesto: un territorio, prevalentemente collinare e boscoso, caratterizzato dalla suggestiva corn ce paesaggistica collinare dei vigneti veneti e che si affaccia sul Quartier del Piave e sulle Prealpi Bellunesi.

Casa luminosa come un open space

«L‘idea – spiega Kety Bardin – era dare un’impronta spaziosa, ampia, open space. Contemporaneamente, però, il cliente ci chiedeva anche di progettare un luogo caldo e accogliente, pur se spiccatamente moderno e di tendenza».

 

Grande attenzione è stata posta alla mutua interazione degli spazi, vista come chiave compositiva primaria.

Originariamente i volumi erano molto definiti, sia sotto l’aspetto planimetrico che funzionale: per permettere l’interazione, senza perdere il carattere stilistico, i progettisti hanno fatto ricorso a soluzioni innovative che garantissero la miglior intercomunicazione spaziale degli ambienti.

Al piano terreno, caratterizzato dallo spazio giorno e fortemente estroverso sul panorama grazie alle grandi vetrate, gli spazi sono suddivisi attraverso un sistema di porte a scomparsa a due ante parallele Telescopica Estensione di Eclisse, in grado di suddividere le singole aree funzionali (zona cottura, zona pranzo e area relax) o di creare un ambiente living unico.

Allo stesso modo, ma con connotazione diversa, è stato trattato il primo piano, dedicato alla zona notte e wellness: qui la permeabilità degli ambienti è stata garantita attraverso sistemi a scomparsa Unico di Eclisse, così da sfruttare in maniera ottimale gli spazi e rendere al contempo più agevoli i mo- vimenti all’interno degli stessi.

Ulteriore importante parametro architettonico dell’inter- vento è stata la scelta di giocare «con la luce e il colore – spiega ancora Kety Bardin – Le tinte morbide ed eleganti degli arredi sono servite a definire gli spazi in profondità e in altezza e ad esaltare la luce naturale, che pervade gli ambienti entrando dalle grandi vetrate, dalle quali si ha una splendida vista dei giardini e dei vigneti che circondano l’abitazione.

In più, il legno chiaro dei pavimenti e l’accostamento di pezzi in stile antico a un contesto di arredamento prettamente moderno hanno dato un’impronta particolare a tutta l’unità abitativa».

 

 

 

A cura di MASSIMO TIBERIO

© RIPRODUZIONE RISERVATA