Fiori di primavera, rinascono i giardini


Con l’arrivo della nuova stagione i fiori di primavera fanno rinascere i giardini delle nostre case, in un tripudio di colori che diventeranno sempre più sgargianti. Ecco alcuni dei fiori più interessanti che possiamo ospitare nelle nostre aree verdi.

Lo spettacolo del Narciso

Tra le varie bulbose a fioritura precoce, spetta proprio ai Narcisi il compito di annunciare l’equinozio nei giardini primaverili, grazie all’allegria irradiata dalle loro fioriture generose. I colori variano dal bianco all’arancio, passando per tutte le sfumature del giallo. La combinazione di tutte queste variabili dà luogo ad una cosa come 8 mila varietà di Narcisi: che non si dica che manca la scelta! Una delle varietà più diffuse e facili da coltivare è la ‘Mount Hood‘, con petali bianco crema e trombetta giallo chiaro, molto vigorosa.

Fiori di primavera mimosaDelicatissima Mimosa

L’Acacia dealbata, meglio conosciuta col nome di Mimosa, oltre ad essere ricordata come simbolo della Festa della Donna, è un albero molto ornamentale per i giardini e la più diffusa della sua specie in Italia. Oltre alla spettacolare pioggia di grappoli gialli, profumati e molto gradevoli al tatto, a marzo, la Mimosa è un albero che rimane molto decorativo per tutto il periodo dell’anno. In alcune zone dell’Italia centrale e meridionale e nelle zone litoranee, la Mimosa è diventata una pianta invasiva, cominciando pian piano ad occupare anche i boschi e prendendo il sopravvento sulle piante native.

Fiori di primavera EuforbiaEuforbia, principessa dei fiori di primavera

Una delle piante che vanta più nomi “popolari” nel mondo, è invece l’Euphorbia tirucalli, un simpatico alberello originario delle zone semi aride, dal clima subtropicale. Se in Africa o in Asia l’Euphorbia può diventare un albero di diversi metri di altezza, in Italia può essere coltivata come pianta da appartamento e può raggiungere un’altezza di 1-1,5 metri. L’aspetto è quello di una pianta da interno sicuramente non convenzionale, con un tronco centrale piuttosto legnoso, di colore verde, e una serie di piccoli rami succulenti che si dipanano dal tronco e si suddividono dando luogo ad una forma un po’ scultorea e quasi geometrica.