Stufe antiche: il calore decorato


Il mondo delle stufe antiche è estremamente vario: la stufa a legna è certamente uno dei modi più vecchi per riscaldare la casa. Un’antica tradizione domestica che sta rivivendo un momento di grande rilancio, Per ricreare uno stile di vita abbinato al benessere delle persone, per ridurre l’impatto ambientale del proprio stile di vita e regalare alla propria abitazione una sensazione di calore, la stufa antica è uno dei trend più attuali. In ghisa o in ceramica, le stufe più diffuse sono di dimensioni contenute e dalle linee semplici e autentiche.

Termoconvenzione: uno stile antico

1Le stufe di oggi riprendono il classico sistema di funzionamento di quelle dei primi anni del ‘900, basato sulla termoconvezione e sullo sfruttamento del calore ottenuto dai fumi di combustione. Grazie alla particolare struttura interna della caldaia, ne viene aumentata la resa calorica, diminuendo allo stesso tempo i consumi in modo da scaldare in un tempo limitato ambienti freddi.

Il riscaldamento “ad accumulo”

Quella in maiolica è un particolare tipo di stufa, anche detta ad accumulo, costruita in materiale refrattario e rivestita appunto in ceramica di maiolica: scalda per irraggiamento e funziona a biomasse legnose. Il calore prodotto dal fuoco nella camera di combustione si accumula nel materiale refrattario di cui è costruita e rivestita la stufa e viene poi rilasciato gradualmente nell’arco di 5/8 ore. Una buona stufa in maiolica deve avere le formelle perfettamente accostate e legate tra loro da più ganci metallici e internamente devono essere accuratamente ricoperte di argilla mescolata a sabbia non troppo sottile. La combustione è lenta: le stufe di grandi dimensioni necessitano di due o tre giornate per entrare in temperatura.

Ghisa e ceramica: un tocco d’800

Molto affascinanti sono le stufe in ghisa o in ceramica dell’Ottocento, quasi appena uscite da una vecchia fucina, ad altissimo rendimento. Vengono restaurate con lunghi procedimenti di recupero: lo smontaggio ed il successivo montaggio sono operazioni molto delicate. I vari elementi vengono realizzati in laboratorio con materiali naturali, con il sussidio di stampi in gesso in scala 1:1.

Stufe antiche: una vasta gamma

Vediamo, a questo punto, alcuni diversi modelli di stufe dall’aspetto antico, realizzate da diversi produttori.

  • La Castellamonte, realizza stufe adatte ad ogni tipo di ambiente, che si differenziano per la tipologia di piastrelle di rivestimento, dalla forma rettangolare. I modelli sono di ispirazione Liberty e Déco, periodi storici che hanno lasciato il segno per il loro grande impatto decorativo.
  • La stufa Impero di Collizzolli presenta un decoro in rilievo, invecchiato, su fondo bianco antico satinato. Le stufe in maiolica vengono realizzate con processo artigianale, dalla creazione delle singole mattonelle al montaggio definitivo.
  • Il modello Tonda, prodotta da La Fornace-Ceramiche Cielle, ha forme stondate che la rendono una stufa estremamente elegante. Lo stile dell’epoca è stato riadattato al rendimento e alla resa dei prodotti attuali. L’azienda da 201 anni produce secondo la tradizione della ceramica di Castellamonte.
  • L’antica stufa austriaca in maiolica è stata recuperata da Terenzio Mazzon con cura certosina. Le stufe delle antiche tradizioni hanno misure auree, dotate di estreme proporzioni ed equilibrio che nel mondo austriaco erano oggetto di preziose ed esclusive commissioni.
  • Duchessa di Cerampiù è la nuova stufa in maiolica dallo stile classico, decorata interamente a mano. Il disegno di gusto tradizionale nella tonalità del rosso si sposa perfettamente con la linea antica e monumentale della stufa. Le decorazioni realizzate interamente a mano rendono ogni singola mattonella unica e capace di coordinarsi con le altre in perfetta sintonia, grazie all’abilità artistica dei maestri decoratori.
  • Il muletto antico, di Zardini è un modello originale del 1807 decorato con motivi floreali di colore blu su fondo avorio. L’azienda produce modelli con mattonelle moderne o finemente decorate a mano, per offrire realizzazioni artigianali esclusive e di elevato valore artistico.

 

 

a cura di VERONICA BALUTTO

© RIPRODUZIONE RISERVATA