Redesign tra classico e contemporaneo a Crans Montana


Una coppia di imprenditori piemontesi con due figli, con il gusto per il classico e la passione dell’antiquariato ha chiesto a Cristina Quirico, interior designer di Borgomanero (NO) formatasi a Firenze, di ristrutturare e arredare un grande appartamento nella famosa località sciistica Crans Montana, nel cantone Vallese in Svizzera. Un’abitazione affacciata sulle montagne e sul campo da golf acquistata alla fine degli anni Ottanta.

Spiega l’interior designer a Ville&Casali:

La casa è molto classica. I colori prevalenti sono il bordeaux, il rosso, l’ocra. Ma c’è qualche elemento contemporaneo in cucina il cui piano è in acciaio spazzolato, molto high tech. Un po’ di moderno c’è anche nella realizzazione del camino in travertino italiano, dei lavabi, dei rivestimenti delle docce e del bagno turco, con colori incisivi e caldi.


Cristina Quirico è un’interior designer conosciuta per la capacità di riflettere nei propri lavori la personalità del cliente, fondendo classicità, contemporaneità e funzionalità. Per l’appartamento di Crans Montana si è occupata della ristrutturazione, della suddivisione degli spazi, del disegno dei divani e di tutti gli arredi su misura. Ha creato un lungo corridoio d’accesso che conduce alla zona giorno, dove l’altezza le ha permesso di realizzare un soppalco, al quale si accede mediante una scala dalla zona padronale. Con la nuova disposizione sono state ricavate tre camere da letto con bagni annessi, e un nuovo vano nella zona soppalco, trasformata in un’accogliente alcova.

Lo spazio soppalcato ha inoltre permesso l’inserimento di nuovi armadi realizzati su misura e sagomati secondo l’andamento della copertura, nonché la creazione di una confortevole zona studio. Il soffitto a vista esistente è stato ripulito e rivalorizzato, uniformandolo ai nuovi soffitti e alle pareti rivestite in boiserie di legno, per dare un aspetto marcatamente alpino, elegante e confortevole dal notevole pregio visivo, oltre ad assicurare un corretto isolamento termico e acustico.

Oltre ai soffitti e alle pareti in boiserie, tutti gli arredi interni – dalla cucina ai bagni – sono stati progettati su misura con finezza di dettaglio, e realizzati grazie alla maestria di abili artigiani locali.

Tutto il legname impiegato, anche per la pavimentazione a listoni è anticato e opportunamente invecchiato per evitare eccessivi assestamenti dovuti a escursioni termiche o umidità. Nelle camere da letto, a esclusione di quella degli ospiti dove le pareti sono realizzate con doghe di legno orizzontali e letti a castello sfalsati in altezza, le tappezzerie in tessuto tesato “Toile de Jouy” di Pierre Frey/Braqueniè, danno vita a uno stile ben definito, con un effetto finale di grande eleganza. Le tappezzerie, coordinate con le testate dei letti, piumoni, trapunte, tende e cuscini, propongono camera per camera uno stile volto alla ricerca di effetti e di armonie con l’esigenza di chi vi abita.

A completare l’arredamento, oggetti d’antiquariato per lo più posseduti dai proprietari o acquistati in una galleria di Arona, sul Lago Maggiore: lampade, appliques settecentesche in legno intagliato, tappeti e quadri. Tutti pezzi di grande pregio, contraddistinti da toni caldi e avvolgenti capaci di fondersi armoniosamente donando all’ambiente un’atmosfera intima ed elegante.

 

Di Marcella Guidi

© Riproduzione riservata