Arredamento moderno in una villa del Seicento


Sperimentare: la sfida di far convivere un arredamento moderno ed elegante con una struttura antica, con limiti oggettivi alla libertà del rinnovo.

arredamento modernoUna villa, originaria dei primi del Seicento, situata sulla più elegante collina torinese, è stata oggetto di un interessante intervento di ristrutturazione e di interior design da parte dell’architetto Matteo Casalegno. Un lavoro molto complesso questo, considerato che l’edificio presentava una distribuzione interna degli spazi rispecchiante un concetto piuttosto antiquato: molte stanze, molti muri e solai inutili.

Muri antichi, arredamento moderno

arredamento modernoPer fortuna dello stesso architetto piemontese non erano presenti muri portanti trasversali; perciò il suo compito di reinventare gli ambienti interni rendendoli più consoni ad uno stile di vita moderno è stato reso meno problematico. L’architetto Matteo Casalegno, in tutti i suoi interventi, ricerca e sperimenta volentieri quando ha a che fare con edifici che richiedono ingegno e creatività progettuale, per ridare una nuova vita. In particolar modo per questa villa, la cui estetica della facciata era intoccabile, vincolata dalla Sovrintendenza delle Belle Arti. L’obiettivo? Coniugare eleganza e razionalità, espressività architettonica e basso impatto energetico.

Villa integrata nel contesto

arredamento modernoAddossata a una collina verdeggiante e ritmata da strette scale esterne che seguono il dislivello del terreno, la villa si sviluppa su due livelli. L’abitazione ben si adatta alla conformazione irregolare del terreno, sfruttando a proprio vantaggio i dislivelli, in una struttura che prende ispirazione dal movimento regolare della spirale. Anche la scelta dei materiali impiegati per la realizzazione di elementi d’arredo non presenti originariamente è avvenuta secondo il principio dell’integrazione armoniosa delle trovate, dello sperimentare. Il progetto di Casalegno è ricco di inventiva e di accorgimenti originali, la sua realizzazione, davvero notevole, perché mostra come sia possibile rinnovare innovando. Un vero esempio, da ammirare.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA