Pavimentazioni: ristrutturare dal basso


La scelta del pavimento per esterni oggi è resa più facile dalla grande quantità di materiali e finiture disponibili sul mercato, in grado di soddisfare le più diverse esigenze progettuali. I requisiti basilari da considerare sono i seguenti: devono essere impermeabili, antiscivolo e ingelivi, resistenti ai carichi, agli agenti atmosferici e agli sbalzi di temperatura, alle muffe e alle macchie. Al […]

La scelta del pavimento per esterni oggi è resa più facile dalla grande quantità di materiali e finiture disponibili sul mercato, in grado di soddisfare le più diverse esigenze progettuali. I requisiti basilari da considerare sono i seguenti: devono essere impermeabili, antiscivolo e ingelivi, resistenti ai carichi, agli agenti atmosferici e agli sbalzi di temperatura, alle muffe e alle macchie.

Al momento della scelta del materiale occorre tener conto anche delle condizioni climatiche della zona in cui si vive: se c’è un forte rischio di gelate, ci si dovrà orientare su piastrelle  con alta resistenza a temperature molto rigide, mentre in zone con frequenti precipitazioni, saranno più adatti rivestimenti per esterni con basso assorbimento idrico. Queste indicazioni, come per esempio la resistenza allo scivolamento, alla flessione o la visibilità delle impronte, sono riportate con pittogrammi sulle schede tecniche e nei cataloghi dei prodotti – che sono anche corredati di tutti i parametri di riferimento in base alle normative europee (En) e a quelle ISO.

Uno dei materiali più usati e versatili è, senza dubbio, il grès porcellanato, che si caratterizza per la sua elevatissima resistenza all’abrasione, agli urti, ai graffi e agli attacchi chimici; è, inoltre, ingelivo. Oltre che ideale per i rivestimenti interni, è perfetto anche per l’esterno: lo si trova a bordo piscina, sui percorsi pedonali o nelle aree pavimentate del giardino. Al momento della scelta del tipo di grès è importante conoscere i diversi tipi di finiture superficiali. Con la finitura naturale la piastrella non subisce ulteriori lavorazioni dopo la cottura e si presenta non levigata né lucidata, un particolare che limita il rischio di scivolamento in caso di ghiaccio o pioggia. La finitura strutturata è ottima contro la scivolosità. Anche quella bocciardata, che conferisce alla piastrella una superficie rustica molto simile alla pietra grezza, assicura un’ottima tenuta per pavimenti per esterni.

Sul mercato si trovano poi soluzioni davvero esclusive e tecnologiche, alcune anche con caratteristiche ecologiche, in grado di fornire ottime prestazioni.

Vediamo alcune soluzioni…

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.villeecasali.com/home/wp-content/themes/originmag/single.php on line 234

LOCALIZZAZIONE DEL PROGETTO

OPERE E ARREDI