Rampicanti, le piante per decorare


Esistono molte varietà di rampicanti, sono ottime per decorare il nostro giardino o il nostro terrazzo. Le piante definite “rampicanti” sono versatili e trovano molti impieghi nel giardino: arricchiscono muri, pergolati, archi, gazebo e con i loro lunghi rami e gli sfavillanti colori creano pittoresche scenografie. Non tutte si arrampicano autonomamente come l’edera, di solito producono viticci che possono aggrapparsi a fili o a strutture varie, come la vite americana. Molte specie, come il gelsomino, il caprifoglio e le rose, creano anche piacevoli atmosfere grazie all’intenso profumo che emanano i loro fiori in primavera, soprattutto al mattino e all’ora del tramonto. Altre ancora, come la vite e il kiwi, allevati su pergola, permettono di raccogliere frutti direttamente dalla pianta. Oltre alla loro funzione ornamentale, alcune piante rampicanti hanno la peculiarità di estendersi su grandi dimensioni e su ogni superficie, la vite del Canada, per esempio, viene spesso utilizzata per coprire muri privi di finestre, facciate di capannoni.

Decorare con il colore

Rampicanti per decorare gli spaziSia le specie fiorite che quelle sempreverdi, come l’edera, una volta attecchite, non necessitano di grandi attenzioni. Non hanno bisogno di molte potature per mantenere la forma desiderata. Per quanto concerne la nutrizione è sempre corretto utilizzare concimi a basso contenuto di azoto, preferendo sempre quelli organici come lo stallatico in pellets. Certo è che se la specie è rigogliosa, è poco consigliabile procedere con concimazioni continue che costringerebbero ad altrettante potature di contenimento. Riguardo all’irrigazione dobbiamo mantenere il terreno umido ma non troppo bagnato, dalla primavera all’autunno, per evitare attacchi di parassitari e virali e favorire l’attecchimento. A partire dal secondo anno si potrà diminuire la frequenza dell’irrigazione concentrandola nei periodi più caldi.

Rampicanti per arredare gli spaziRampicanti per ogni gusto

Esistono molte varietà di piante rampicanti: sempreverdi e spoglianti, da ombra e da sole, a portamento contenuto o esuberante, a fioritura prolungata o breve, profumate o senza profumo. A seconda dell’impiego e del luogo i vivaisti potranno proporre molte specie adatte al proprio giardino. Tra le più famose, tranne quelle già citate, ricordiamo la Bouganville, o Bougainvillea, pianta che predilige clima mite e un’esposizione soleggiata, con fioriture rosa, fucsia e viola accese. Un’altra pianta rampicante che regala fioriture molto belle è l’Ipomea, i cui fiori presentano la tipica forma a campanula, o campanella, e variano dal blu, al viola, dal rosa e all’azzurro. E non possiamo certo dimenticarci della regina per eccellenza del giardino: la Rosa nella sua varietà rampicante. Tra tutte è, senza dubbio, quella più famosa ma anche quella che presenta le maggiori difficoltà di manutenzione. Al momento della messa a dimora, è necessario assicurarsi di usare sostegni adeguati per la sua crescita. Dovranno essere selezionati materiali di ancoraggio per evitare che i rami siano troppo sporgenti. Le varietà più richieste e di grande effetto sono: Gpt Pierre de Ronsard, Gpt Clair Matin, GPT Iceberg e GPT New Down.