Cracking Art Group


Il nome Cracking è stato scelto perché nel gergo petrolchimico, con questo termine si intende il procedimento di scissione delle molecole del petrolio. La sua formulazione organica viene modificata attraverso il cracking catalitico, che si trasforma in virgin nafta, una sostanza invece artificiale.

“Abbiamo scelto questo nome per connotare la nostra attività artistica, perché la nostra ricerca si voleva orientare sul rapporto tra uomo e natura, tra evoluzione tecnologica e conservazione dell’ambiente.”

spiega Kikko, componente del gruppo .

Animali colorati in plastica riciclabile

lumache

Le opere del Cracking Art sono costituite principalmente da riproduzioni di animali colorati in plastica riciclabile. Queste originali installazioni hanno letteralmente invaso luoghi di passaggio, palazzi storici e i musei delle città di tutto il mondo.

“Trasformiamo materiali, alteriamo geneticamente noi stessi e andiamo verso l’intelligenza artificiale. Esprimiamo questo momento attraverso la plastica”

aggiunge Kikko.

Leggi di più sul Cracking Art Group e la loro invasione colorata sul numero di Gennaio, in edicola o in digital edition!

digital edition

© Riproduzione riservata