Soluzioni salva-spazio per arredare la camera dei ragazzi


La cameretta dei ragazzi è uno spazio molto particolare da arredare, in quanto in questa stanza, i piccoli svolgono attività molto differenti tra loro: dallo studio al riposo, dal gioco allo sfogo della creatività. Per soddisfare tutte queste esigenze, le scelte devono necessariamente ruotare intorno all’ottimizzazione degli spazi. Negli ultimi anni, le camerette dei ragazzi hanno dimensioni molto ridotte e per potersi adeguare a queste architetture sono nate moltissime soluzioni salva spazio per le stanze dei più piccoli.

Piccoli accorgimenti utili

soluzioni salvaspazio camera

Il trucco è sfruttare ogni angolo disponibile, trovando soluzioni d’arredo che permettano di ricavare da un solo oggetto, una doppia funzionalità. I pouf al fianco di una parete, ad esempio, sono molto comodi, sia per il relax, che per creare una piccola “zona lettura”, in particolar modo, se accanto al muro si posiziona anche una lampada alta. Da non sottovalutare le ceste di stoffa, o di plastica, magari dotate di rotelle, che possono essere d’aiuto nei momenti di emergenza, come nel caso in cui si ricevano inaspettatamente degli ospiti e la camera dei bimbi sia nel caos più totale, ma non si abbia il tempo di sistemarla.

Le migliori soluzioni salva-spazio nella cameretta dei ragazzi, comunque, ruotano principalmente intorno alla scelta del letto: esistono moltissime strutture, infatti,  che permettono di arredare in modo comodo e intelligente questa stanza, senza togliere spazio, ma anzi, creando spazi ogni volta diversi, a seconda delle necessità del momento.

La scelta dei letti

Per arredare la stanza dei ragazzi  ottimizzando gli spazi, la soluzione più vantaggiosa deriva dalla scelta dei letti. In commercio sono nate moltissime idee che aiutano a salvare lo spazio di una stanza piccola, pur non limitandone le funzionalità, o la comodità. Le strutture che meglio si adeguano alle diverse necessità di arredamento sono principalmente cinque:

1.letto a castello o a ponte. È la prima soluzione salva-spazio, tipica delle case di villeggiatura o di appartamenti piccoli con famiglie che hanno due o più figli. Oltre al già famoso letto a castello, oggi, una delle strutture che va per la maggiore è chiamata “ponte a L”, ovvero con il letto inferiore che si orienta ad angolo retto rispetto a quello di sopra; questo crea degli spazi indipendenti tra di loro, in cui ognuno è libero nella scelta dei propri momenti di relax, o per la semplice gestione della luce. Chi dorme sul letto superiore, inoltre, può evitare di utilizzare la scomoda e pericolosa scaletta di ferro per scendere e salire, in quanto il letto a ponte è dotato di gradoni laterali che possono essere utilizzati anche come cassetti per la biancheria. C’è da aggiungere, inoltre, che avere due letti solo parzialmente sovrapposti crea delle aree sfruttabili sia per la scrivania, che per piccoli armadi. Il vantaggio maggiore è che il letto a ponte, o il letto a castello occupano un’unica parete della stanza, ingombrando il minor spazio possibile;

2.letto contenitore. Soluzione adatta alle camerette di metratura sufficiente a lasciare al bambino lo spazio per giocare intorno al letto. Questa struttura ha un ampio contenitore sotto al materasso grande quanto la superficie del letto, in cui poter riporre vestiti che si usano poco, biancheria o buste sottovuoto. Alcuni di questi contenitori sono già suddivisi in cassettoni o si presentano come mini librerie;

3.letto a soppalco. Come per quello a castello, anche in questa struttura  il letto è sopraelevato, ma non ha la rete inferiore. Lo spazio libero qui è adibito  spesso e volentieri alla “zona lavoro”. Viene posizionata una scrivania nello spazio sottostante il letto, oppure un divano-letto, così da poter ricavare altri posti per dormire, in quest’ultimo caso si parla di “letto a castello Futon”. Negli ultimi tempi, le case di arredamento più innovative, stanno proponendo soluzioni di “soppalco rovesciato”, ovvero con la scrivania al secondo livello, posta su di una pedana, sotto la quale viene nascosto il letto estraibile solo nel momento del riposo;

4.letto scorrevole. Una delle soluzioni salva-spazio per la camera dei ragazzi più all’avanguardia degli ultimi anni. La parete della stanza viene dotata di boiserie, lungo le quali ogni componente di arredo può scorrere, componendo di volta in volta strutture ad incastro che permettono di creare degli spazi diversi a seconda delle esigenze del momento. Letti, scrivanie, mensole e altri complementi della cameretta, che si muovono orizzontalmente all’interno della stanza trasformandola in un ambiente sempre nuovo;

5.letto pieghevole. In assoluto, questa è la soluzione che meglio riesce ad ottimizzare gli spazi, in quanto, piegandosi su sé stesso si nasconde perfettamente dentro un armadio o una finta parete. In commercio stanno nascendo tantissime idee multifunzionali e versatili: divani, tavoli e scrivanie che si coniugano in spazi condivisi, trasformandosi in mobili da giorno o da notte a seconda delle esigenze.