Zanini: ferro battuto artistico dal 1655


Il fascino di una villa, di una dimora, di un casale ristrutturato o progettato con attenzione non possono che crescere se si prevede l’impiego di materiali pregiati e oggetti artistici per decorare e abbellire. Tra questi non può che spiccare il ferro battuto, frutto di una tradizione antica, capace di attirare sguardi e attenzione e di rimanere impresso. Il ferro battuto trasmette fascino e l’idea di resistenza, ma anche leggerezza e classe, quando è lavorato in modo artistico. È il caso dei lavori di Alessandro Zanini, che lavora il ferro battuto in modo artistico e produce oggetti tradizionali e moderni di gran pregio.

Sapere antico, fascino moderno

Il suo è un sapere antico che si tramanda da generazioni: dal 1655 l’azienda di Alessandro Zanini è maestra nella lavorazione artigianale del ferro battuto d’arte. Zanini, con enorme interesse e passione, ha seguito le orme dei suoi antenati. Le tecniche dei manufatti restano sempre proiettate nella tradizione, ancora oggi trasforma la creativà dell’artigiano in opere uniche e prestigiose quali cancellate, balaustre, inferriate, porte-inferriate decorative, complementi d’arredo. Soluzioni, forme, strutture, oggetti esclusivi che traggono spunto dagli stili delle epoche più diverse, coniugando abilmente manualità con il design italiano.

Qualità internazionale

La qualità dei lavori di Zanini ha ricevuto recentemente un riconoscimento di prestigio, a livello internazionale. Il 22 agosto scorso, infatti, il comune di Pederobba è riuscito a portare all’Esposizione Universale di Milano le eccellenze delle attività imprenditoriali e i prodotti tipici del territorio. Tutto questo è avvenuto nel “roof garden”, una sala attrezzata, di 250 mq nel Padiglione Italia. Qui, tra offerte culturali e agroalimentari della zona, i lavori in ferro battuto di Alessandro Zanini e della sua azienda hanno fatto mostra di sé, attirando sguardi e suscitando interesse ammirazione.

 

Possiamo avere ulteriori informazioni sui suoi lavori e metterci in contatto visitando il sito www.alessandrozanini.eu  oppure scrivendo a info@alessandrozanini.eu.