La riqualificazione ad Amsterdam


Ad Amsterdam, negli ultimi anni, molti dei vecchi edifici che circondano i canali sono stati riqualificati per rivivere come eleganti residenze. È il caso di questo progetto, realizzato da Sander van Eyk dello studio Cocoon Living, che ha riportato lustro a una casa di tre piani abbandonata da tempo e oggi abitata da una famiglia appassionata di viaggi. Sander van Eyck spiega a Ville&Casali:

La famiglia mi ha affidato l’intera esecuzione del progetto. Dalla disposizione, all’arredo, all’illuminazione e alla progettazione personalizzata della cucina e della zona wellness.

A evidenziare lo spazio sono il bianco e la luce, che creano ambienti aperti, pensati per enfatizzare e incorniciare gli arredi. A rompere questa armonia, solo il prezioso pavimento a spina di pesce in legno scuro, che richiama l’anima antica della dimora. Ma è nei complementi che si scopre il vero spirito dell’abitazione: gli elementi decorativi sono infatti rappresentati dai numerosi ricordi dei viaggi vissuti dai proprietari e che, seppur del tutto differenti per provenienza geografica e storica, sono stati inseriti con sapienza all’interno del contesto contemporaneo.

È così che ritroviamo nel bagno dei lampadari Versailles in stile barocco accanto ad alcune conchiglie di spiagge tropicali, o ancora lo specchio del soggiorno, che richiama la sua origine centrafricana, posizionato non distante da un ibis scarlatto, uccello del Sud America, il cui piumaggio brillante attira inevitabilmente lo sguardo.

Spazioso e luminoso, il ricco soggiorno si presenta con stucchi, boiserie ed eccentrici oggetti decorativi. Elemento centrale dello spazio è il grande tavolo rotondo, che invita alla convivialità e rappresenta il simbolo della quotidianità del grande nucleo familiare.

Una monumentale cappa in ottone massiccio lavorato a mano e una parete in marmo bianco di Carrara: l’immagine della cucina di questa abitazione verte tutta sui contrasti tra i materiali più pregiati, tra cui una pietr acrilica, HI-MACS®, utilizzata per il blocco cucina, geometrica e completamente bianco.

La superficie non porosa di questo materiale, perfettamente liscia e priva di giunzioni, garantisce massima pulizia e igiene. I fornelli sono incassati all’interno del piano, per una stupefacente continuità visiva. Anche le ante, la cui presenza è dichiarata solo da una rete di linee sottili, quasi invisibili, sono realizzate con questa pietra acrilica. Nel bagno, la luce e le finiture bianche trovano la loro massima espressione e applicazione, e contribuiscono a rendere visivamente più pulito e spazioso l’ambiente, di soli 9,5 metri quadrati.

Sander van Eyck, qui, ha utilizzato HI-MACS® Alpine White per creare due lavabi identici, dalle linee essenziali, incassati all’interno di un piano che cela, in modo invisibile, un cassetto. I lavabi, posizionati uno di fronte all’altro, lasciano al centro della stanza un ampio spazio per la vasca da bagno .Il gioco di specchi, poi, dilata all’infinito la prospettiva, creando un effetto optical sorprendente. Completa il bagno il grande lampadario dorato che, assieme ai pochi elementi neri, interrompe il candore uniforme dello spazio, donandogli calore.

Di Marcella Guidi

© Riproduzione riservata