Nuove cucine: living e fornelli in un spazio


Le tendenze delle nuove cucine tendono a fondere lo spazio dedicato ai fornelli con l’area living, trasformando le case moderne e offrendo un raddoppio degli spazi, che così diventano sempre più conviviali.

Fusione di funzioni

Spazi meno estesi, da arredare con attenzione per ricavarne il massimo in termini di funzionalità e comfort: molte delle case di oggi, soprattutto nei contesti urbani, devono confrontarsi con questo dato di partenza. Ma, indipendentemente dalla disponibilità di spazio, a dettare le linee guida della progettazione è anche la ricerca di un comfort rilassato e inclusivo. In quest’ottica progettuale, la cucina diventa il centro di ambienti openspace, luminosi e funzionali, ma anche intimi e personalizzati, che spesso ruotano attorno ad isole funzionali. La conformazione della parte della cucina dedicata alla preparazione dei cibi fa spesso da elemento di cerniera tra due funzioni: preparazione dei cibi e convivialità.

Le tendenze delle nuove cucine

Preparare il cibo a casa – attività cui la società contemporanea sembra dare una valenza importante – implica una componente conviviale che oggi si tende a non trascurare e la cucina, oltre che la condivisione dei pasti, si trasforma dunque in un luogo di unione e dialogo. Ecco che allora l’arredo della cucina dialoga con divani, comode sedute, tavoli polifunzionali. E finiture e rivestimenti segnalano e delimitano la compresenza di tutti questi elementi.

 

Vediamo alcuni modelli che incarnano le nuove tendenze, tutti ricchi di qualità, dalle finiture pregiate ai materiali naturali, con colori caldi e dettagli di stile: la produzione italiana vanta prodotti di altissimo livello.

In apertura a questo articolo c’è una cucina della linea Brera 76, top in cemento con il rivestimento in piastrelle di ispirazione vintage, con ante finitura lavagna a contrasto con il legno di recupero.

  • Trento&Bizzotto: Monica, anta in rovere con parti laccate gesso. Il lavello e parte del piano cottura sono in acciaio vintage. Boiserie retrò, piano cottura in larice, cappa in lavagna.
  • Veneta Cucine: Pavese, anta a telaio con taglio 45° e il pomolo a sasso. In rovere o in massello di frassino laccato in tre varianti di colore, anche abbinabili al legno naturale.
  • Zappalorto: Bistrò, in castagno con fresature verticali nel legno massello, apertura “a gola” delle ante. Parti in metallo trattate con vernice materica similpeltro.

Vuoi saperne di più?

Abbiamo parlato di questo argomento nel nostro numero di aprile. Se te lo sei perso, fai clic su questo collegamento: potrai accedere alla versione digitale di Ville&Casali e leggere gli arretrati e rimanere sempre aggiornato.