Merletti di metallo


La tradizione del ricamo Salentino applicata alla lavorazione del bronzo e dell’ottone. E’ la peculiarità delle creazioni di Barbara Abaterusso, l’artista italiana che riporta in luce antiche decorazioni, contrapponendo materiali rigidi e freddi a lana e stoffa.

Costumista, designer ed interior decorator di rilievo internazionale, Barbara attinge sia dalla tradizione pugliese che veneta, rispettivamente luoghi d’origine del padre e della madre. Il filo conduttore è proprio la tradizione sartoriale, a cui la performer fa riferimento per la realizzazione delle proprie opere,  tutte caratterizzate da un’intricata trama armonica dal forte impatto scenografico.centrotavola in metallo

L’arte del ricamo

L’antico rito della tessitura ha avuto ruolo primario nella formazione di Barbara Abaterusso. In lei infatti, è ancora vivo il ricordo delle donne della sua famiglia e della loro abitudine di riunirsi con amiche e vicine per dedicarsi al ricamo, all’uncinetto e al cucito.metallo ricamato

I temi del pizzo e del cucito salentino tornano in tutti i lavori dell’artista, che considera la memoria la sua principale fonte d’ispirazione. Così mentre i disegni richiamano alla mente centri tavola, tovaglie e i tendaggi in merletto del sud Italia, reminiscenze della famiglia paterna, ori e argenti ricordano la cara Venezia, incorporando perfettamente l’universo femminile della madre e della nonna.

Una designer poliedrica

Una designer poliedrica dunque, che desidera lasciare traccia di sé ed al contempo trasmettere la bellezza e l’amore che le persone vicine le hanno comunicato negli anni. Proprio come accadeva un tempo, quando il ricamo più che un’arte rappresentava uno strumento di affermazione per il gentil sesso. “Ho cominciato a raccogliere ricami, merletti e pizzi a macramé, affinchè tanti piccoli capolavori non andassero perduti. Ripercorrendo la mia storia personale, ho capito quanto sia importante partire  dalle proprie origini, trasformando le esperienze in creatività” ha dichiarato Abaterusso a Ville&Casali.

arte del ricamo

L’effetto è sorprendente

Sin dall’inizio l’idea è stata quindi quella di riproporre in chiave attuale, alcune delle opere decorative incontrate lungo il proprio percorso.

Roscia e Carizzu ad esempio, sono lavori realizzati grazie all’impiego di particolari resine solidificate su pannelli di legno, alternando oro a foglia da 24 carati, oro bianco da 12 carati e platino.

Ricamare il ferro è invece un esperimento che abbina sapienza femminile a concezione estetica maschile. Il disegno desiderato su stoffa, viene trasferito su una lastra di ferro, lasciando che il caldo tocco femminile si imprima sulla rigida e fredda superficie. La sensazione al tatto è di caldo-freddo, un’incredibile esperienza di piacere.