Biancheria per il letto a tinte morbide


Che sia monocromatica o fantasiosa la biancheria per il letto ha il compito di impreziosire l’angolo notte e di creare il più accogliente dei luoghi dove rifugiarsi e avvolgersi tutte le notti.

Dalla seta al raso, passando per il lino e per il cotone, più o meno prezioso e lavorato, la scelta di filati utilizzati per realizzare questi importanti elementi è davvero vasta, anche se le fibre naturali (lino e cotone in testa) rimangono sempre le più consigliate e amate.

Nella vasta offerta che il mercato propone, ingredienti imprescindibili sono oggi la qualità e la ricerca stilistica, due elementi che caratterizzano fortemente la biancheria per il letto.

È stato il ritmo della vita contemporanea a ispirare la collezione CF by Christian Fischbacher”, dicono i responsabili della nuova collezione CF by Christian Fischbacher. “Una linea giovane, semplice e moderna, molto curata nei dettagli e studiata per garantire il massimo grado di comfort. Alla base di questa nuovissima collezione c’è la qualità e una grande ricerca estetica, due valori che sicuramente saranno apprezzati dai consumatori che troveranno nel nostro marchio bellezza, ma anche dei prodotti facili da gestire”.

La linea, che comprende copripiumini e federe, veste il letto con elementi che si caratterizzano per la bellezza naturale dei tessuti utilizzati che, peraltro, non richiedono lunghe e faticose stirature. Potete vederli in apertura di articolo.

Come per la moda, negli ultimi anni, anche la biancheria per il letto si caratterizza, infatti, per collezioni ricercate e continue (almeno due l’anno), sempre più variegate e ideate per soddisfare ogni genere di richiesta.

Colori caldi e polverosi per la biancheria per il letto

Per la stagione in corso troviamo un “ritorno” alla pacatezza, con colori caldi che si ammorbidiscono per farsi più vellutati e polverosi, tanto blu, ma anche beige, crema e sfumature terrose, declinati in tinte unite e fantasie, una scelta cromatica precisa che guarda allo stile, e al contempo asseconda un’esigenza pratica che predilige negli ambienti preposti al riposo tonalità morbide e colori non troppo brillanti.

A completamento del “letto perfetto”, oltre alle lenzuola, immancabili sono trapunte, piumoni e coperte, considerati il caldo abbraccio per le stagioni più fredde, complementi sempre più belli e pratici, realizzati nel segno della qualità e concepiti con materie prime di altissimo livello.

Il piumino matrimoniale Alba di Cinelli Piume e Piumini è soffice e leggero.Concepito per regalare tepore negli inverni più rigidi è costituito da un’imbottitura in 90% di piumino d’oca bianca ungherese ed è rivestito in candido cotone percalle.

Coniuga semplicità dei materiali naturali e stile la collezione Naturae di Gabel, una linea di elementi tessili per il letto pensati tra eleganza e tradizione e realizzati con la massima attenzione all’ambiente che ci circonda.

La straordinaria lavorazione del classico pizzo chantilly, reso contemporaneo grazie alle nuove tecniche di stampa, veste la linea di trapunte Virginia di La Perla Home Collection by Fazzini; proposte nelle versioni grigio perla, blu e rosa poudre.

Puntano sui colori della terra e fanno parte della collezione autunno/inverno 2017 di Society le federe Kito in cotone jacquard, il lenzuolo Miro in doppio voile di cotone, il lenzuolo Rem in lino, il cuscino in lana mélange Des, le federe stampate in lino e cotone Lite Marn e Lite Caos e la coperta in lana mélange Des.

Il piumino Class Light di Piumini Danesi è la risposta ai mutamenti climatici. Morbido, leggero e caldo è consigliato in caso di inverni miti ed è ideale per appartamenti e stanze da letto piccole ben riscaldate e coibentate.

Raffinata ed elegante la linea Oscar di Somma, disegnata da Massimo Moltrasio, comprende oltre al set per il letto, plaid e copri cuscini. Fra disegni, stampe e fantasie la collezione punta sulla tavolozza cromatica, armoniosa e ben combinata che dall’ottanio spazia al grigio passando per il giallo e il color carta da zucchero.

 

 

A cura di CLAUDIA SCHIERA

© RIPRODUZIONE RISERVATA