Arredare l’ingresso per fare la differenza


L’ingresso di una casa, pur essendo un luogo di passaggio, svolge dei ruoli fondamentali, attraverso i quali lasciamo intendere ai nostri ospiti chi siamo e quali sono i nostri gusti. È la prima stanza che si vede e che introduce agli altri ambienti, sarà quindi importante scegliere con oculatezza e cura il tipo di arredamento. Che si abbia a disposizione un ampio spazio o una zona ristretta, nulla esclude un buon risultato estetico.

Consigli per arredare l’ingresso di casa

porta

Come precedentemente accennato, l’ingresso svolge due funzioni fondamentali, se non addirittura tre:

  • Accoglienza. Questa è la prima zona che i nostri ospiti vedono e che li farà sentire ben accetti in casa nostra;
  • Stile. Da questa prima stanza, anche se solo di passaggio, si intuisce molto dello stile che si troverà nel resto della casa.
  • Funzionalità. Questo posto deve essere sì accogliente, ma anche molto pratico, in quanto capiterà spesso di passarci in momenti di fretta in cui avremo bisogno prendere chiavi, portafogli, ombrelli e quant’altro senza dover ragionare su “ dov’è stata l’ultima volta che li ho visti”.

Un modo molto originale per delimitare la zona d’ingresso, soprattutto se molto piccola, è quella di differenziare la pavimentazione, attraverso scalini o bassorilievi della superficie, magari adornati con piastrelle a fantasia o monocromie accese.

Ciò che risulterà fondamentale per il mobilio dell’ingresso sono di certo delle consolle, più o meno grandi a seconda dello spazio di cui si dispone, su cui poggiare sì, vasi e soprammobili, ma soprattutto pratici contenitori svuota-tasche, una soluzione molto comoda in cui riporre chiavi della macchina o dello scooter, occhiali da sole, soldi spicci e chi più ne ha più ne metta.

Lo specchio è un complemento che non dovrà assolutamente mancare davanti alla porta d’ingresso: che si esca per andare a lavoro, per un aperitivo con gli amici o per un appuntamento galante, sarà molto utile tenerne uno in questo preciso punto della casa, che servirà per dare il classico “ultimo colpo d’occhio” e controllare che tutto sia in ordine, un attimo prima di uscire. Inoltre, per chi fa una vita frenetica e ha bisogno di un piccolo aiuto per ricordare tutto quello che dovrà affrontare durante la giornata, lo specchio sarà il luogo perfetto su cui attaccare post-it di reminder, un consiglio che può sembrare banale, ma che si rivelerà davvero molto pratico!

Se lo spazio dell’ingresso lo consente e non si ama l’idea di un appendi-abiti all’angolo della stanza, sarebbe bene pensare di progettare un armadio a muro in cui riporre giacche, sciarpe per i componenti della famiglia e per gli ospiti che passeranno in visita. Per rimanere in tema, c’è anche da dire, che non tutti gli appendi-abiti sono in realtà ingombranti e disordinati, anzi, proprio per poter combinare la funzionalità all’estetica sono stati creati moltissimi curiosi modelli in grado di soddisfare ogni genere di esigenza di stile.

Un’altro aspetto dell’arredamento per l’ingresso da non sottovalutare sono le scarpe, le quali rischiano di sporcare tutti i pavimenti di casa, e che, invece, potrebbero trovare il loro posto all’interno di una scarpiera chiusa, una soluzione igienica e molto pratica in caso si debba uscire rapidamente di casa.

Per quanto riguarda lo stile da dare all’ingresso non possono esserci particolari direttive o consigli da seguire, ogni acquisto potrà essere fatto in base al genere di design interno, che accompagna il resto della casa, in modo da creare continuità e coerenza estetica, ma anche dando un tocco originale che caratterizzi e differenzi questa particolare zona della casa.

© Riproduzione riservata