Il casale nella campagna toscana dal design tutto nuovo


Qualche anno fa una coppia di Como ha deciso di trasferirsi nella zona delle ulivete di Ripabella, un comune della campagna toscana con circa duemila abitanti, immerso in un territorio molto famoso per i suoi vini. Qui hanno acquistato la loro seconda casa, che inizialmente non era altro che un casale diroccato, ma oggi spicca per la sua struttura architettonica semplice e per il suo arredamento raffinato.

Lo sviluppo del progetto

A occuparsi del progetto di arredamento è stata l’ interior designer Marquita Papi, che ha affiancato nel progetto di ristrutturazione l’architetto Michael Dolinky, un professionista americano, che opera in questo settore proprio a Como, da dove i due proprietari provengono.

recupero casale

La coppia è stata attratta dalle mille potenzialità artistiche, morfologiche e culinarie di questo luogo:

  • le rive bianche delle spiagge, da cui la cittadella prende, appunto, il nome;
  • il castello dell’anno Mille per opera dei conti della Gherardesca, che si impone nel centro storico;
  • la cucina toscana così piena di sapori e soprattutto gli ottimi vini e olii che vengono prodotti.

E proprio a proposito di olio, la coppia ne produce in autonomia e lo dona ad amici e parenti, grazie al vasto terreno cosparso di ulivi che circonda il casale. La posizione della casa è ottima, in quanto, trovandosi a un centinaio di metri sopra il livello del mare, riesce a goderne la brezza che sale nelle lunghe giornate estive e che in autunno impone un maglione per poter cenare in uno dei tavoli presenti nello spazio esterno, sul patio o sotto il gazebo.

Dolinsky si è occupato della rimessa a nuovo dell’intera struttura e ha voluto conferirle un aspetto moderno attraverso i tagli delle finestre e gli infissi in ferro neri, abbinato agli scuri di quercia naturale e l’interior designer che lo ha accompagnato in questo lavoro di rinnovo, Marquita Papi, spiega a Ville&Casali:

“Non è solita casa di campagna anche se i pavimenti sono stati tutti recuperati e sono in cotto toscano.”

La casa è stata ampliata, dando spazio a uno studio per il proprietario, un imprenditore con la passione per le moto d’epoca e il pavimento è stato rivestito con parquet nero di rovere asciato. Il living della casa è stato diviso in due attraverso un camino a forma di parallelepipedo, la stanza è rivolta, da una parte verso l’esterno e dall’altra, verso la cucina. La sala da pranzo non è stata concepita in questo progetto, in quanto si è preferito dare più spazio al patio esterno e alla cucina, quest’ultima con un taglio moderno e con dettagli che restituiscono perfettamente l’idea di campagna, come ad esempio la grande cappa sopra il piano cottura, o come la lastra in marmo di Carrara che contiene l’incavo per il lavello. Anche la tavola in legno di quercia con i suoi 4 centimetri di spessore, appoggiata al muro, insieme alla mensola su cui sono poste le pentole in rame, contribuiscono a dare all’ambiente la perfetta atmosfera del casa di campagna. Le pareti hanno colori caldi e una fattura terrosa, lasciati appositamente allo stato grezzo, a eccezione di quelli della cucina, mentre sui soffitti le travi sono a vista, tutte recuperate dalla vecchia casa.

casale

La zona notte è al primo piano e presenta la camera padronale, una stanza per il guardaroba e una per lo studio della proprietaria.

Il design di Marquita Papi è stato ragionato insieme alla proprietaria, la quale voleva inserire alcuni oggetti antichi di famiglia, che hanno contribuito a impreziosire gli ambienti, come le poltrone anni Quaranta in soggiorno, la chaise longue di un importante designer e molti altri articoli e complementi vintage ed etnici. Un lavoro ben calibrato per fare in modo che risultasse, nel complesso, omogeneo e mai fuori dalle righe; in merito a questo studio, la designer Papi spiega che il suo impegno per la creazione di arredamenti interni non è un’autocelebrazione, ma piuttosto uno sforzo volto ad accontentare i propri clienti, rendendoli felici.

casale

© Riproduzione riservata